Un pizzico di sale in più non fa male alla salute

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/09/2014 Aggiornato il 30/09/2014

Si sa che assumere troppo sale fa male alla pressione e può provocare ictus e infarti, ma fa male anche troppo poco sale. L’apporto consigliato starebbe proprio nel mezzo

Un pizzico di sale in più non fa male alla salute

Un recente studio della McMaster University dell’Ontario (Canada), condotto insieme ai ricercatori del Population Health Research Institute e Hamilton Health Sciences, renderà felici tutti coloro che aggiungono ovunque il sale per insaporire le loro pietanze!

100.000 persone di 17 Paesi

È il campione testato nello studio per valutare l’apporto di sodio correlato a malattie cardiache e ictus. Secondo la ricerca internazionale Urban Rural (Pure), la più grande del suo genere e appena pubblicata su New England Journal of Medecine, un basso apporto di sale, considerato tanto prezioso nell’antichità da venire utilizzato come moneta per pagare i legionari (da cui il nome salario), non provocherebbe una sensibile riduzione della pressione sanguigna rispetto al consumo moderato.

Confermati gli effetti negativi del sale

Martin O’Donnel della Mc Master University conferma che il sale ha effetti negativi, “tra cui l’aumento di alcuni ormoni che sono associati con un aumento del rischio di morte e malattie cardiovascolari”. Infatti, nel corso di un follow-up durato quasi 4 anni, un’assunzione di sodio eccessiva, pari a 7 grammi al giorno, è stata associata con un + 15% di probabilità di un evento cardiovascolare grave o di morte, rispetto al range di riferimento di 4-6 grammi al giorno.

Lo “sweet spot” del sodio

Al contrario, un’assunzione troppo bassa di sale (inferiore a 3 grammi) è stata associata con un rischio del 27% maggiore di eventi cardiovascolari rispetto al range di riferimento. In pratica, esisterebbe un “sweet spot” per il consumo di sodio, dove il troppo o il troppo poco potrebbero essere dannosi, mentre una moderata quantità, tra 3 e 6 grammi, sarebbe ottimale. Fortunatamente, la maggior parte delle persone nel mondo già consumano una quantità di sodio in tale intervallo. In discussione è il dogma stabilito e le politiche raccomandate di consumare poco sale. È quello che spiega Salim Yusuf, direttore del Population Health Research Institute che ha coordinato lo studio, ricordando che alcune linee giuda raccomandano di ridurre il consumo a 2,3 grammi giornalieri, quindi, “troppo pochi” e persino pericolosi! 

In breve

LA GIUSTA QUANTITA’

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) suggerisce un consumo di 5-6 grammi di sale al giorno nell’adulto (che corrisponde a circa un cucchiaino). Se in etichetta trovate il riferimento al sodio e non al sale ricordatevi che 1 grammo di sodio corrisponde a 2,5 grammi di sale. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti