Una minestra al giorno per perdere peso dopo il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/03/2014 Aggiornato il 31/03/2014

Cibi ricchi di fibre e con un apporto calorico moderato (cioè poveri di zuccheri semplici e grassi) come minestre, zuppe e creme di verdure sono d’aiuto per perdere peso

Una minestra al giorno per perdere peso dopo il parto

Zuppe, minestre e creme di verdure contribuiscono a rendere la nostra dieta sana ed equilibrata, aiutandoci al contempo a perdere peso e a mantenerci in forma. A confermarlo è il recente studio condotto negli Usa su un campione di diecimila persone e pubblicato sulla rivista scientifica British Journal of Nutrition. Secondo i ricercatori dell’Università dello Iowa, i consumatori abituali di zuppe, minestre, creme di verdure tenderebbero ad avere meno problemi di linea e di girovita e sarebbero facilitati nel perdere peso.

Bassa densità energetica

Le minestre sono alimenti a bassa densità energetica, cioè contengono molti nutrienti, ma poche calorie a parità di volume. Ecco perché iniziare i pasti con una minestra aiuta a riempire lo stomaco più velocemente e a diminuire l’apporto calorico dell’intero pasto. In sintesi si riducono le calorie introdotte, ma non il senso di sazietà! E in più si può perdere peso.

Il parere dell’esperto

Conferma la dottoressa Mariangela Rondanelli, professore di Scienze e tecniche dietetiche applicate, all’Università di Pavia. “Mangiare zuppe e minestre di verdura è un ottimo modo per assicurarsi, con un modesto introito calorico, minerali, vitamine, molecole bioattive e fibre. Inoltre, grazie alle minestre si aumenta l’assunzione di liquidi”.

Attenzione al sale e ai condimenti

Unico dato negativo dello studio era un aumentato consumo di sodio perché spesso le minestre contenevano molto sale. Perciò, se si è soliti adoperare anche minestre già pronte, è bene leggere con attenzione le etichette per controllare quanto sale contengono e soprattutto evitare quelle che contengono troppo sale e glutammato monosodico. Per cucinare sano e bilanciato attenzione anche alla quantità dei condimenti utilizzati, preferendo un cucchiaio di olio extravergine d’oliva aggiunto a crudo, cioè senza soffritti che, pur essendo gustosi, appesantirebbero il piatto.  

In breve

NO AI SALI AGGIUNTI

Se in etichetta leggi uno o più di questi ingredienti: sodio* (o Na), cloruro di sodio, fosfato monosodico, glutammato di sodio, benzoato di sodio, citrato di sodio, significa presenza di sale aggiunto nel prodotto.
* 1 grammo di sodio = 2,5 g di sale 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti