Vincere l’afa senza appesantirsi con la dieta anticaldo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/08/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Come difendersi dal caldo con l'alimentazione... quando anche l'aria condizionata non basta più

Vincere l’afa senza appesantirsi con la dieta anticaldo

Una corretta dieta anti-afa deve fornire i nutrienti necessari alla normale attività dell’organismo, contribuendo inoltre a incrementare la sua resilienza nei confronti del maggiore caldo e degli alti tassi di umidità. Un’alimentazione sana ed equilibrata con ampio ricorso a frutta e verdura di stagione è quindi la soluzione ideale, tenuto anche conto che occorre reintegrare la perdita di liquidi provocata dalle alte temperature.

Acqua in abbondanza

È bene bere regolarmente e mangiare cibi ricchi di acqua, di sali minerali e utili al processo digestivo dell’organismo.  Inoltre, la diminuzione del patrimonio d’acqua, accelerata dall’aumento della temperatura esterna, provoca sensazioni di fatica, nausea e perdita di concentrazione: l’acqua regola l’equilibrio dell’organismo, eliminando le tossine e le scorie nocive. La dieta anticaldo, quindi, deve prevedere molta frutta e verdura di stagione: alimenti rifrescanti e ideali per contrastare l’eccessiva traspirazione. Insomma, la scelta dei piatti e dei condimenti è fondamentale per non appesantirsi e per mantenere l’efficienza, già messa a dura prova dalla calura. Ecco alcuni consigli per una dieta anticaldo.

A colazione

Evita biscotti e brioche. Per prima cosa bevi sempre un paio di bicchieri d’acqua a digiuno. Preferisci un paio di fette di pane, meglio se integrali, con due cucchiaini di marmellata. Mangia uno yogurt magro bianco o alla frutta e approfitta della frutta fin dal mattino: per esempio, mangia sempre almeno un kiwi per regolare l’intestino.

Pranzo

Le insalatone miste sono assai gradite per il sapore fresco: insalata verde o mista, con qualche fettina di uovo sodo oppure acciughe, tonno, mozzarella, pollo, bresaola o prosciutto e la normale dose di condimento. Attenzione, però, perché questi piatti possono arrivare facilmente a 500 calorie, quindi sono da accompagnare solo con pane e frutta.  In alternativa, è ottima per la sua versatilità anche l’insalata di riso o di altri cereali come orzo e farro. È importante saper scegliere gli ingredienti: l’apporto energetico può variare da 400 calorie a più di 800 calorie per porzione. Quindi, meglio abbondare con i vegetali e diminuire le dosi di wurstel, prosciutto, formaggi, tonno. Tra questi cibi proteici un po’ grassi preferisci i tipi più magri: il prosciutto sgrassato, il tonno al naturale (che ha la metà delle calorie di quello sott’olio). Bene anche le verdure grigliate come melanzane, zucchine e peperoni che appagano vista e palato e regalano vitamine! Al dessert preferisci una macedonia, eventualmente con un po’ di gelato alla frutta (ogni tanto).

Spuntini

Per controllare l’appetito a cena e resistere alla tentazione di una fettina di salame in più o di un pezzetto di formaggio, tutti alimenti ricchi di grassi che influiscono sul peso corporeo assai più dei carboidrati, prevedi qualche spuntino durante la giornata: uno yogurt magro, una fetta d’anguria, una coppetta di fragole o un sorbetto alla frutta. Secondo alcuni studi, per controllare il peso, oltre a incrementare il movimento, il modo più appropriato è mangiare più carboidrati (togliendo così spazio ai grassi) e mangiare spesso.

Cena

Opta per un secondo con contorno, una fetta di pane e un frutto o un sorbetto alla frutta. Per esempio: carne o pesce alla griglia con verdura; oppure pomodori con formaggi light: è un piatto che unisce le virtù antiossidanti del pomodoro (per l’alto contenuto di vitamina C e licopene) al gusto di un formaggio non troppo calorico. Una variante della “caprese” che si può comunque alleggerire usando anche mozzarella “light” al posto del tipo normale. E ancora: prosciutto crudo e melone un piatto ipocalorico che unisce le proteine nobili del prosciutto crudo alle vitamine (caroteni e vitamina C) e minerali del melone.

In breve

LA BEVANDA PIU’ PREZIOSA: L’ACQUA

Le perdite di liquidi, così intense d’estate, vanno regolarmente bilanciate attraverso un corretto regime alimentare e una corretta idratazione. Per dissetarsi non c’è nulla di meglio dell’acqua: occorre bere spesso (almeno un litro e mezzo al giorno), a piccoli sorsi, in più riprese, facendo attenzione che non sia troppo gelata. Ricorda che l’acqua costituisce il 60% del nostro corpo ed è indispensabile per conservare e riprodurre le cellule, eliminare i prodotti di scarto, regolare la temperatura corporea e il metabolismo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Antipsicotico in gravidanza: come si scala?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di “La Redazione”

In nessun caso e per nessuna ragione si deve sospendere un antipsicotici o anche solo diminuirne la dose di propria iniziativa, ma sempre e solo su consiglio dello psichiatra che lo ha prescritto.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti