Vuoi dimagrire? Impara a mangiare lentamente

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/02/2014 Aggiornato il 25/02/2014

La velocità con cui mangiamo influenza il senso di sazietà. Mangiare lentamente, infatti, aiuta a controllare la fame e anche a dimagrire

Vuoi dimagrire? Impara a mangiare lentamente

Mangiare adagio aiuta a dimagrire. Questo è il risultato di alcuni ricercatori del Dipartimento di Kinesiologia presso la Texas Christian University (TCA) che hanno osservato come una diversa velocità nel mangiare influisce sulle calorie assunte durante i pasti sia nei soggetti normopeso sia in quelli sovrappeso o obesi, aiutando però a dimagrire soprattutto i primi, ma portando benefici per tutti.

Analizzati i normopeso, i sovrappeso e gli obesi

La ricerca, pubblicata sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, è stato condotta su soggetti normopeso, sovrappeso e obesi che dovevano consumare due pasti in ambiente controllato. Nella prima fase dello studio tutti i partecipanti dovevano consumare il pasto lentamente: masticando a lungo e facendo piccoli bocconi intercalati da pause per allungare il tempo del pasto. Nella seconda fase della ricerca tutti i soggetti dovevano, invece, consumare il pasto entro un limite prestabilito, per cui dovevano mangiare molto più rapidamente: masticando velocemente e facendo grandi bocconi, senza alcuna pausa tra uno e l’altro.

Che cosa è emerso

Solo i soggetti normopeso avevano assunto minor calorie durante il pasto lento, rispetto al pasto veloce. In particolare 88 kcal in meno per il gruppo di peso normale, contro le 58 kcal in meno per il gruppo di sovrappeso e di obesi. Mangiare con lentezza, quindi, avrebbe portato a un controllo delle calorie totali del pasto e a evitare di sovralimentarsi solo nel gruppo dei normopeso. Secondo la dottoressa Meena Shah della TCA il motivo per cui i soggetti sovrappeso e obesi non avrebbero ridotto l’apporto energetico potrebbe essere stato “perché hanno consumato meno cibo durante entrambe le prove alimentari rispetto ai soggetti normopeso”. Analizzate anche le sensazioni di fame e di pienezza prima e dopo i pasti a ritmo veloce e a ritmo lento.

Sazia di più

Differenze di apporto energetico a parte, che sono state influenzate dalla quantità di cibo assunto dai tre gruppi, ciò che invece era uguale per tutti i soggetti era la sensazione di meno fame provata dopo il pasto lento, a differenza di quando avevano mangiato velocemente. Mangiare con lentezza, quindi, agirebbe sulla sensazione di appetito, evitando le abbuffate,  riducendo la voglia di mangiare in seguito e, quindi, aiutando a dimagrire. È noto che nel nostro corpo esiste un “meccanismo” che controlla la sazietà: quando si è mangiato a sufficienza il meccanismo emette un segnale di “stop”. Occorrono, tuttavia, circa 20 minuti dal momento in cui si inizia a mangiare perché il segnale di sazietà venga percepito. Questo spiega perché se si mangia troppo velocemente, si mangia di più e si introducono più calorie. La fretta blocca la sensazione di sazietà, facendoci consumare più cibo rispetto a quello che ci è necessario. 

In breve

I TRUCCHI PER MANGIARE LENTAMENTE

– Mangiare con calma e seduti, ritagliandosi almeno mezz’ora a pasto;
– Dedicarsi soltanto al pasto, senza svolgere altre attività;
– Masticare con cura, assaporando ogni pietanza;
– Bere piccoli sorsi di acqua;
– Fare piccoli bocconi;
– Posare le posate dopo ogni boccone;
Queste regole dovrebbero essere sempre seguite, anche quando capita di mangiare fuori e di avere poco tempo a disposizione.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti