Vuoi dimagrire? Prima devi capire che rapporto hai con il cibo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/03/2015 Aggiornato il 16/03/2015

Non tutti hanno lo stesso rapporto con il cibo. Capire quale approccio si ha con l’alimentazione è importante per chi vuole dimagrire. Ecco perché

Vuoi dimagrire? Prima devi capire che rapporto hai con il cibo

Vi siete messe a dieta da qualche giorno, ma ancora non avete ottenuto risultati incoraggianti? Probabilmente state sbagliando approccio. Per dimagrire, infatti, non basta mangiare meno e in maniera più equilibrata. È necessario anche calibrare la propria alimentazione in relazione alla categoria di mangiatori cui si appartiene. Non tutti, infatti, avrebbero lo stesso rapporto con il cibo. Questa perlomeno è la conclusione cui è giunto uno studio condotto da due team di ricercatori del Regno Unito, dell’Università di Oxford e dell’Università di Cambridge.

Perché qualcuno fa più fatica

La ricerca ha coinvolto 75 volontari. Tutti sono stati invitati a rispondere a un questionario riguardante il proprio stile alimentare, contente domande su quanti pasti facessero abitualmente, quali tipi di cibi privilegiassero, le quantità di alimenti consumate solitamente e così via. Lo scopo era capire perché alcuni avessero più difficoltà di dimagrire rispetto ad altri.

Esistono tre categorie di mangiatori

Analizzando le risposte, gli autori hanno trovato conferma a una loro ipotesi, ossia che le persone, proprio in rapporto al loro approccio con l’alimentazione, possono essere divise in tre grandi gruppi:

 

  • gli insaziabili: sono coloro che mangerebbero in continuazione perché non si sentono mai sazi;
  • i compulsivi: sono quelle persone che pensano in continuazione al cibo e lo consumano in maniera vorace, senza nemmeno godersi il piacere della buona tavola; 
  • gli emozionali: sono quelli che considerano gli alimenti una valvola di sfogo, per trarre conforto, scaricare la rabbia e le tensioni, risollevare l’umore e così via. 

A ciascuno la sua dieta

A questo punto, gli esperti hanno testato vari tipi di diete sui tre gruppi. Hanno così scoperto che non esiste una dieta valida per tutti: il miglior modo per dimagrire consiste nell’individuare un’alimentazione che permetta di trovare il giusto equilibrio fra costituzione genetica, assetto ormonale e caratteristiche psicologiche. Si può, quindi, impostare un regime per ciascuna delle tre categorie.

 

Proteine o carboidrati?

 

In linea generale, gli insaziabili dovrebbero introdurre molti cibi proteici, come carne, legumi e pesce e pochi carboidrati (pasta, pane, riso, dolci): in questo modo stimolano il senso di sazietà e gli ormoni intestinali. I compulsivi, invece, dovrebbero seguire un menù alternato: due giorni in cui introducono solamente 800 calorie e cinque giorni in cui mangiano ciò che desiderano. Gli emotivi, infine, dovrebbero sempre fermarsi un attimo a riflettere prima di addentare un pezzo di cioccolata, una fetta di torta o un boccone di pane, per capire se ciò che li sta spingendo verso il cibo è davvero la fame.

 

 

  

il consiglio in più

VIA LIBERA ALLO SPORT

Per dimagrire, oltre a seguire un regime ipocalorico e adatto alle proprie caratteristiche, è importante anche svolgere un’attività fisica. L’ideale è allenarsi almeno un’ora tre volte alla settimana. Perfette le attività come corsa, bicicletta, camminata veloce e nuoto. Specialmente se si è in sovrappeso, però, prima di iniziare è meglio chiedere un consiglio al medico, per evitare problemi alle articolazioni. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti