Dislessia: oggi si combatte con i videogames

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/03/2013 Aggiornato il 22/03/2013

Uno studio padovano ha dimostrato che 12 ore passate ai videogiochi migliorano la capacità di lettura nei bambini che soffrono di dislessia

Dislessia: oggi si combatte con i videogames

Contrordine: i videogames fanno bene. O almeno per i bambini che soffrono di dislessia. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology condotto da un’équipe dell’Università degli Studi di Padova con l’istituto scientifico Medea.

Due gruppi di bambini

Il team padovano ha testato la lettura, le capacità fonologiche e di attenzione di due gruppi di bambini con dislessia che non erano utilizzatori abituali di videogames. Ebbene, 12 ore passate ai videogiochi migliorano la capacità di lettura più di quanto non faccia un anno di lettura spontanea o trattamenti di lettura tradizionali. I bimbi sono stati valutati nelle loro capacità di attenzione e di lettura, prima e dopo aver giocato con videogiochi di azione o non-azione per nove sedute di 80 minuti. I bambini che avevano utilizzato videogiochi d’azione sono stati in grado di leggere più velocemente senza perdere in accuratezza e hanno anche mostrato progressi in altri test di attenzione.

Migliorano la lettura

Questi sorprendenti risultati sulle abilità di lettura si sono mantenuti anche a un successivo controllo dopo due mesi. “I videogiochi d’azione migliorano molti aspetti dell’attenzione visiva – sottolinea Andrea Facoetti dell’Università degli Studi di Padova e consulente scientifico Medea -. Dover colpire un bersaglio periferico in movimento comporta un’abilità di percezione del contesto e quindi di rapida attenzione al particolare che aiuta i bambini dislessici molto di più di un allenamento alla lettura. Grazie ai videogiochi i bambini dislessici hanno imparato a orientare e focalizzare la loro attenzione per estrarre le informazioni rilevanti di una parola scritta in modo più efficiente, riducendo l’eccessiva interferenza laterale di cui sembrano soffrire”.

Non senza uno specialista

Tuttavia non vi è ancora nessun trattamento scientificamente testato per la dislessia che includa questo tipo di videogiochi. “Questi risultati sono molto importanti per comprendere i meccanismi cerebrali che stanno alla base della dislessia – continua Facoetti – ma non possiamo raccomandare i videogiochi senza il controllo o la supervisione di uno specialista della riabilitazione neuropsicologica”.

Studio apripista

Ma questo studio dà il via a nuovi programmi terapeutici in grado di ridurre i sintomi della dislessia o di prevenirla, nel caso di bambini a rischio, già prima che questi imparino a leggere. Per questo, il team dei ricercatori padovani e del Medea ha studiato, con il dipartimento di Matematica dell’Università di Padova, dei videogiochi per tablet che verranno utilizzati prossimamente nelle scuole dell’infanzia di Lecco su un campione di 40 bambini a rischio di dislessia.

In breve

COS’È LA DISLESSIA

La dislessia fa parte dei Disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa) e consiste nella difficoltà che il bambino manifesta in relazione alla capacità di leggere in modo corretto e fluente. Quasi sempre si presenta associata ad altri disturbi di questo genere quali la disortografia (difficoltà di scrittura di tipo ortografico, presente in circa il 60 per cento dei casi), la disgrafia (difficoltà nel movimento preciso della scrittura, in oltre il 40 per cento dei casi) e la discalculia (difficoltà nel calcolo, in oltre il 40 per cento dei casi).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Fai la tua domanda agli specialisti