La maternità in Italia tra luci e ombre

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 21/01/2020 Aggiornato il 21/01/2020

Dal rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità sulla maternità in Italia emergono alcuni comportamenti virtuosi e altri meno nel periodo della gravidanza e nei primi anni di vita dei bambini

La maternità in Italia tra luci e ombre

Alcuni dati positivi, ma anche ampi margini di miglioramento: sono i risultati del Sistema di sorveglianza nella prima infanzia coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, a cui hanno partecipato 11 regioni, promosso e finanziato dal Ministero della Salute. Al centro del rapporto, la maternità in Italia.

Margini di miglioramento

Dai dati dell’indagine su 30.000 mamme è emersa una maggiore consapevolezza delle mamme italiane su molte delle “buone pratiche” da attuare per favorire un sano sviluppo dei bambini, a partire da quando sono ancora nel pancione, ma restano ancora da promuovere alcuni comportamenti importanti per la salute dei bimbi, come per esempio l’assunzione dell’acido folico in gravidanza per la prevenzione delle malformazioni congenite, che di fatto avviene troppo tardi, o l’allattamento al seno, che dura ancora troppo poco.

Sottovalutata la sicurezza in auto

Il 14,8% delle mamme di bambini con meno di 6 mesi ha riferito di avere difficoltà nel far stare il bambino seduto e allacciato al seggiolino. La prevalenza sale al 30,6% tra le mamme di bambini di 6-12 mesi e al 34,2% sopra l’anno di età, maggiormente nelle regioni del Centro e Sud. Eppure l’utilizzo corretto dei dispositivi di protezione per il trasporto in auto dei bambini può ridurre sensibilmente il rischio di traumi e di morte a seguito di incidente stradale.

Fumo in gravidanza e in allattamento

Solo il 6,2% delle mamme ha ammesso di aver fumato in gravidanza. Percentuale che sale all’8,1% durante l’allattamento al seno. La percentuale di bambini potenzialmente esposti al fumo passivo a causa della convivenza con almeno un genitore e/o altra persona fumatrice varia dal 27,0% al 46,5%, con valori tendenzialmente più elevati nelle regioni del Sud. I bambini esposti a fumo passivo hanno un rischio maggiore di malattie delle basse vie respiratorie e di episodi di asma.

 

Da sapere!

L’80,5% delle mamme ha dichiarato di voler effettuare tutte le vaccinazioni. Resta un 15,2% di mamme intenzionate ad effettuare solo le vaccinazioni obbligatorie e un 4,3% di indecise.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti