Mamma per caso: gravidanze indesiderate 4 su 10

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 27/11/2018 Aggiornato il 27/11/2018

Ancora insufficiente l’informazione delle coppie sui metodi contraccettivi. Così ancora oggi 4 gravidanze su 10 sono indesiderate e si diventa mamma per caso

Mamma per caso: gravidanze indesiderate 4 su 10

Secondo i dati diffusi di recente dalla Sic (Società italiana della contraccezione), in Italia 4 gravidanze su 10 sono indesiderate. Situazioni, suggeriscono gli specialisti, che si possono prevenire con una corretta contraccezione. A remare contro la diffusione di una cultura consapevole di prevenzione in ambito sessuale, ci sono tanti tabù e barriere psicologiche: paure infondate sulla contraccezione ormonale (aumento di peso, calo del desiderio, problemi circolatori, cefalea) e benefici ignorati (controllo del ciclo, sindrome premestruale, iperandrogenismi, endometriosi, protezione oncologica). Risultato: sono ancora troppe le gravidanze indesiderate.

Poca contraccezione

I dati hanno rivelato che, sebbene la contraccezione sia vista dalle donne come strumento utile per la salute e la prevenzione di gravidanze indesiderate, è tuttavia poco praticata e questo spiega perché ci sono ancora troppe gravidanze indesiderate: il 10% degli adolescenti non usa alcun metodo, il 13,6% si affida al poco sicuro coito interrotto, il 52% utilizza il preservativo e solo il 3,3 prende la pillola.

Tanti sistemi

Eppure proprio la pillola risulta essere il metodo ormonale più conosciuto dalle donne, in media dal 68% di quelle che hanno aderito al questionario della Sic, accanto al profilattico (91,3%). Altri sistemi conosciuti: spirale al rame, 53%; cerotto, 35% e anello 34%. Intorno al 20% la conoscenza di altri metodi come la pillola a base di estradiolo, quelle progestiniche, le spirali al levonorgestrel o l’impianto sottocutaneo. Scarsa o nulla la conoscenza della dual protection: contraccettivo ormonale abbinato a quello di barriera, per proteggersi, oltre che dalle gravidanze indesiderate, dalle malattie sessualmente trasmesse.

I benefici della pillola

Ancora molto lavoro da fare resta dunque per diffondere la conoscenza dei regimi alleati del benessere della donna, contro sindrome premestruale, flussi abbondanti, cefalea e altre sintomatologie che beneficiano della stabilità ormonale offerta da questi contraccettivi.

 
 
 

Da sapere!

È necessario stabilire un rapporto di fiducia con il ginecologo per contrastare i pregiudizi sui vari metodi e rispondere al bisogno di informazione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti