9.000 ogni anno: i neonati da ragazza madre in Italia

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 17/11/2014 Aggiornato il 17/11/2014

Il fenomeno è diffuso in tutta Italia. Tanto al sud quanto al nord ogni anno molti bimbi nascono da una ragazza madre

9.000 ogni anno: i neonati da ragazza madre in Italia

I baby genitori fanno sempre notizia. In realtà, però, le storie che balzano agli onori della cronaca, con protagonista una ragazza madre, sono solo una minima parte di tutte quelle che accadono in Italia. Il fenomeno è molto più diffuso di quanto possa sembrare in apparenza, tanto che si può parlare di vero e proprio boom. Solo nel 2011, sono stati 9 mila, infatti, i bebè nati da una ragazza madre di età inferiore ai 19 anni. Lo rivelano i dati Istat, di cui si è discusso nel corso del congresso nazionale dei ginecologi italiani, che si è tenuto recentemente e che ha riunito i singoli congressi della Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo), dell’Associazione ostetrici e ginecologi ospedalieri italiani (Agoi) e dell’Associazione ginecologi universitari italiani (Agui).

L’8% dei parti

Secondo l’Istat, nel 2011, le donne italiane hanno avuto il primo figlio in media a 31,4 anni. Ciò significa che alcune sono diventate mamme molto più tardi, anche oltre i 40 anni, e altre molto presto, sotto i 25 anni. La percentuale di bimbi nati da una mamma over ‘40 e di quella di bebè nati da una ragazza madre si equivaleva: all’incirca l’8%.

In tutta Italia

A dispetto di quanti pensano in molti quello della ragazza madre non è un fenomeno tipicamente meridionale. Al contrario. I numeri parlano chiaro. Se nella Regione Campania si registrano in media 1.562 donne che partoriscono prima dei 19 anni, pari al 17% di tutte le donne che diventano mamme, in Lombardia sono oltre 2 mila i neonati delle baby mamme.

Storie di gioia ma anche di sofferenza

Tra le ultime notizie di cronaca c’è quella dei baby genitori di Treviso, 13 anni lei e 12 lui, sostenuti in tutto e per tutto dalle famiglie di origine, ma si tratta di un caso isolato. Accade raramente, infatti, che i nonni accettino di buon grado la notizia. Anzi, spesso le ragazze madri hanno una storia difficile alle spalle e non possono sicuramente contare sull’aiuto dei genitori e, spesso, nemmeno del partner. Ecco perché il ruolo di realtà come consultori, case-famiglia, associazioni di volontariato diventa centrale.

I baby genitori vanno sostenuti

In tutti i casi, comunque, i baby genitori e, a maggior ragione, le baby mamme vanno sostenute. Infatti, sono ancora delle ragazzine, alle prese con i problemi e le difficoltà della crescita. Sono, dunque, chiamate ad assumere un ruolo decisamente troppo grande per loro. Per questo, gli esperti riuniti durante il recente congresso hanno ribadito la necessità di un maggiore interessamento nei confronti del problema da parte delle istituzioni. 

In breve

UN’ESPERIENZA DIFFICILE

Essere una ragazza madre è un’esperienza molto difficile in qualunque condizione. Infatti, doversi occupare di un’altra persona quando ancora non si è sviluppata una propria identità può essere molto destabilizzante. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti