Al caldo le donne lavorano meglio e di più

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 04/07/2019 Aggiornato il 04/07/2019

Uno studio tedesco ha dimostrato che le donne sono più produttive al caldo. Al contrario, gli uomini lavorano meglio quando le temperature si abbassano

Al caldo le donne lavorano meglio e di più

Le donne tendenzialmente sono più freddolose tendono ad avere mani e piedi freddi perché hanno il metabolismo basale più basso e producono meno calore corporeo. Ma che siano più produttive al caldo è davvero una scoperta! Uno studio tedesco pubblicato sulla rivista Plos One ha, infatti, dimostrato che le donne hanno performance cognitive superiori e sono più produttive ad alte temperature.

Donne e uomini a confronto con le temperature

Quindi, i datori di lavoro sono avvertiti: l’aria condizionata a palla potrebbe risentirne abbassare la produttività delle lavoratrici. Sembrerebbe, invece, che a temperature elevate le donne avrebbero un rendimento più elevato; al contrario, gli uomini, con il caldo, avrebbero più difficoltà sul lavoro.

I dettagli dello studio

Gli studiosi hanno messo a confronto il rendimento a lavoro di uomini e donne in relazione alle temperature coinvolgendo oltre 500 studenti. I giovani sono stati sottoposti a test cognitivi, comprendenti quesiti di matematica, logica e domande lessicali, mentre la temperatura in aula variava tra i 16° C e i 32° C . Al termine è emerso che le ragazze sono state più brave in matematica e nelle domande lessicali man mano che la temperatura aumentava, raggiungendo il massimo intorno ai 32° C. Diversamente, gli studenti maschi hanno avuto performance migliori a temperature più basse.  Caldo e freddo, infine, non hanno avuto alcuna conseguenza sulla capacità logica in entrambi i sessi.

 

 

Da sapere!

 “Questo studio indica che anche solo se ci si interessa al ritorno economico o alle prestazioni dei propri lavoratori, una strada che si potrebbe percorrere è quella di alzare la temperatura in ufficio”, hanno commentato i ricercatori.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti