Calo delle nascite: 62.000 nuovi nati in meno in Italia

Per l'83% degli italiani è la crisi che rende difficile la decisione di fare un figlio e la maggioranza punta il dito contro gli scarsi aiuti alle famiglie per il calo delle nascite

La crisi ha come conseguenza immediata il calo delle nascite: in Italia il Censis ha già rilevato un perdita di 62mila nuovi nati. Lo dice il rapporto “Diventare genitori oggi” firmato da Censis e fondazione Ibsa. I dati parlano chiaro: dai quasi 577mila nuovi nati del 2008 si è passati ai poco più di 514mila del 2013 e questo numero detiene anche il poco invidiabile record di valore più basso mai registrato.

Italia, fanalino di coda

L’Italia ha così raggiunto il fondo della classifica europea per il numero di nuovi nati. Nel 2013 si è avuto un calo delle nascite del 3,7% rispetto all’anno precedente, con una diminuzione del tasso di natalità da 9 a 8,5 nuovi nati ogni mille abitanti. Cifra che mette l’Italia al pari del Portogallo, penultimo in classifica, a una incollatura dalla Germania che ha 8,4. Dall’altra parte della classifica svettano, invece, Gran Bretagna e Francia, rispettivamente con 12,8 e 12,6. ”Dal 2008 il calo delle nascite è costante – ha sottolineato Ketty Vaccaro, responsabile welfare del Censis – e si è anche esaurita quella compensazione dovuta alle immigrate, che hanno tassi più alti ma non sufficienti a invertire il trend”.

Tutta colpa della crisi economica

Il rapporto del Censis dice che gli italiani sono consapevoli delle difficoltà di mettere al mondo un figlio e, soprattutto, crescerlo, mentre la crisi impazza: per l’83% la crisi economica rende più difficile la scelta di avere un figlio. E la percentuale supera il 90% tra i giovani fino a 34 anni, cioè le persone che subiscono in maniera più pesante  l’impatto della crisi e sono anche più direttamente interessate per l’età all’argomento bambini.

Pochi aiuti alla famiglia

Gli italiani, stando all’indagine del Censis, accusano del fenomeno l’insufficienza delle politiche pubbliche a sostegno della famiglia. Il 61% degli italiani è convinto che le coppie sarebbero più propense ad avere figli se si migliorassero gli interventi pubblici. Sgravi fiscali e aiuti economici diretti sono le principali richieste (71%), il 67% segnala l’esigenza di potenziare gli asili nido, il 56% fa riferimento ad aiuti pubblici per sostenere i costi per l’educazione dei figli (rette scolastiche, servizi di mensa o di trasporto).

Figli anche a omosessuali e single

Lo stesso rapporto indaga anche più in profondità sul concetto di famiglia e mette in luce come si sia evoluto anche oltre le aspettative: un italiano su tre è favorevole al fatto che anche le coppie omosessuali abbiano figli, mentre ancora maggiore è la quota di chi è d’accordo nel dare questa possibilità ai single. Per il 46% del campione, ha spiegato Ketty Vaccaro, è legittimo avere figli per i single, mentre per il 29% è giusto anche per le coppie omosessuali. In questo giudizio la fede religiosa ha un’influenza limitata: è d’accordo il 43% dei cattolici praticanti nel primo caso e il 23% nel secondo. ”È evidente – ha sottolineato – che in questi casi la procreazione appare separata dalla situazione di coppia eterosessuale tradizionale, con il superamento dell’idea che sia questa l’unica condizione per poter accedere alla genitorialità”.

Quali motivazioni

Per il 35% degli intervistati, la quota più alta, avere un figlio è un fattore di realizzazione individuale, mentre per il 23% è un completamento del rapporto di coppia e la continuazione della vita. ”Le profonde implicazioni sociali e morali emerse dalla ricerca – ha commentato Giuseppe Zizzo, segretario della Fondazione – dimostrano quanto il Paese sia più avanti di quanto non emerga dal dibattito quotidiano”.

In breve

PROFONDO ROSSO DELLA NATALITA’ IN ITALIA

La crisi influenza profondamente la scelta di avere dei figli in Italia. Lo dice un rapporto del Censis. Il calo delle nascite nel 2013 ha portato l’Italia a diventare il fanalino di coda nell’Europa per la natalità. Dall’inizio della crisi si sono persi 62.000 nuovi nati. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti