Diritti della maternità: congedi e permessi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/01/2013 Aggiornato il 30/01/2015

La legge stabilisce una serie di tutele alle donne diventate mamme, in particolare per quelle che hanno un contratto lavorativo da lavoro dipendente. Ecco i principali diritti della maternità

Diritti della maternità: congedi e permessi

I diritti della maternità sono introdotti dal Testo Unico n. 151 del 26 marzo 2001 e prevedono diverse garanzie anche a tutela del papà. Le donne con un lavoro dipendente sono più agevolate rispetto a chi non è una lavoratrice dipendente.

L’astensione obbligatoria

Tra i diritti della maternità, rientra l’astensione obbligatoria dal lavoro. Oggi, infatti, la futura mamma dipendente può scegliere di astenersi dal lavoro un mese prima del parto e i successivi quattro mesi dopo la nascita del bebè. Naturalmente, può anche continuare a rimanere a casa due mesi prima e tre dopo il parto, recuperando sempre i giorni non goduti in caso di parto anticipato. La normativa prevede, infatti, nel caso in cui il parto avvenga in data anticipata rispetto a quella presunta che i giorni non goduti di astensione obbligatoria prima del parto vengano aggiunti al periodo di astensione obbligatoria dopo.

Il congedo parentale

Entrambi i genitori possono usufruire del congedo parentale (chiamato in passato congedo facoltativo): possono, cioè, astenersi dal lavoro nei primi 8 anni di vita del bambino per un periodo complessivo, tra i due genitori, non superiore a 10 mesi (elevabili a 11 mesi qualora il padre fruisca di almeno 3 mesi di congedo entro il primo anno di vita del bambino). In pratica, se la mamma usufruisce di 6 mesi, il padre può usufruire di un massimo di 5 mesi. Solo fino ai tre anni del bambino, però, chi usufruisce del congedo ha diritto a un’indennità pari al 30 per cento dello stipendio.

I permessi per l’allattamento

Durante il primo anno di vita del bambino la madre ha diritto a riposi giornalieri, per allattare il figlio, di due ore al giorno se l’orario di lavoro è pari o superiore a 6 ore giornaliere, di un’ora al giorno se l’orario è inferiore.

I diritti del papà

Anche il papà può usufruire dei diritti della maternità. Può così astenersi dal lavoro nei primi tre mesi dalla nascita del figlio ma solo se la madre è venuta a mancare o ha un’infermità molto seria oppure ha l’esclusivo affidamento del bambino.
Anche il padre poi dispone di un periodo di astensione dal lavoro facoltativo in modo continuativo o frazionato di 6 mesi elevabile a 7 se fruisce del congedo parentale per almeno 3 mesi entro il primo anno di vita del bambino. In tal caso il periodo complessivo dei congedi per i genitori è elevato a 11 mesi.
Gli stessi diritti dell’allattamento, e i relativi trattamenti economici, vengono ora riconosciuti anche al padre, quando il bambino è affidato solo a lui, la madre non sia lavoratrice dipendente (per esempio se lavora autonomamente o come libera professionista), la madre lavoratrice dipendente non si avvalga dei riposi che le spettano di diritto. 

 
 
 

In breve

Il congedo parentale

Entrambi i genitori possono usufruire del congedo parentale (chiamato in passato congedo facoltativo): possono, cioè, astenersi dal lavoro nei primi 8 anni di vita del bambino per un periodo complessivo, tra i due genitori, non superiore a 10 mesi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti