Diritti della maternità: congedi e permessi

La legge stabilisce una serie di tutele alle donne diventate mamme, in particolare per quelle che hanno un contratto lavorativo da lavoro dipendente. Ecco i principali diritti della maternità

I diritti della maternità sono introdotti dal Testo Unico n. 151 del 26 marzo 2001 e prevedono diverse garanzie anche a tutela del papà. Le donne con un lavoro dipendente sono più agevolate rispetto a chi non è una lavoratrice dipendente.

L’astensione obbligatoria

Tra i diritti della maternità, rientra l’astensione obbligatoria dal lavoro. Oggi, infatti, la futura mamma dipendente può scegliere di astenersi dal lavoro un mese prima del parto e i successivi quattro mesi dopo la nascita del bebè. Naturalmente, può anche continuare a rimanere a casa due mesi prima e tre dopo il parto, recuperando sempre i giorni non goduti in caso di parto anticipato. La normativa prevede, infatti, nel caso in cui il parto avvenga in data anticipata rispetto a quella presunta che i giorni non goduti di astensione obbligatoria prima del parto vengano aggiunti al periodo di astensione obbligatoria dopo.

Il congedo parentale

Entrambi i genitori possono usufruire del congedo parentale (chiamato in passato congedo facoltativo): possono, cioè, astenersi dal lavoro nei primi 8 anni di vita del bambino per un periodo complessivo, tra i due genitori, non superiore a 10 mesi (elevabili a 11 mesi qualora il padre fruisca di almeno 3 mesi di congedo entro il primo anno di vita del bambino). In pratica, se la mamma usufruisce di 6 mesi, il padre può usufruire di un massimo di 5 mesi. Solo fino ai tre anni del bambino, però, chi usufruisce del congedo ha diritto a un’indennità pari al 30 per cento dello stipendio.

I permessi per l’allattamento

Durante il primo anno di vita del bambino la madre ha diritto a riposi giornalieri, per allattare il figlio, di due ore al giorno se l’orario di lavoro è pari o superiore a 6 ore giornaliere, di un’ora al giorno se l’orario è inferiore.

I diritti del papà

Anche il papà può usufruire dei diritti della maternità. Può così astenersi dal lavoro nei primi tre mesi dalla nascita del figlio ma solo se la madre è venuta a mancare o ha un’infermità molto seria oppure ha l’esclusivo affidamento del bambino.
Anche il padre poi dispone di un periodo di astensione dal lavoro facoltativo in modo continuativo o frazionato di 6 mesi elevabile a 7 se fruisce del congedo parentale per almeno 3 mesi entro il primo anno di vita del bambino. In tal caso il periodo complessivo dei congedi per i genitori è elevato a 11 mesi.
Gli stessi diritti dell’allattamento, e i relativi trattamenti economici, vengono ora riconosciuti anche al padre, quando il bambino è affidato solo a lui, la madre non sia lavoratrice dipendente (per esempio se lavora autonomamente o come libera professionista), la madre lavoratrice dipendente non si avvalga dei riposi che le spettano di diritto. 

 
 
 

In breve

Il congedo parentale

Entrambi i genitori possono usufruire del congedo parentale (chiamato in passato congedo facoltativo): possono, cioè, astenersi dal lavoro nei primi 8 anni di vita del bambino per un periodo complessivo, tra i due genitori, non superiore a 10 mesi.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti