Donne e lavoro: 1 su 3 lascia l’impiego dopo la maternità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/11/2019 Aggiornato il 18/11/2019

Per le donne italiane conciliare lavoro e maternità pare ancora un'impresa impossibile. Ecco perché molte non rientrano nemmeno dopo la maternità

Donne e lavoro: 1 su 3 lascia l’impiego dopo la maternità

Le donne, dopo il primo figlio, tendono a lasciare il lavoro sopraffatte dalle difficoltà di conciliare l’attività lavorativa con la famiglia. Sembra  addirittura che  una donna su tre, dopo essere diventata mamma, lasci definitivamente la sua occupazione lavorativa.

Non solo per i figli

Ma non sono solo neomamme a lasciare il lavoro;  anche donne più mature  si licenziano per assolvere a obblighi familiari di vario tipo, dal parente malato ai genitori anziani. Il quadro evidenzia una situazione alquanto arcaica e in parte fisiologica per la società italiana. Ovvero, le responsabilità familiari in termini di accudimento e assistenza sono ancora tutte sulle spalle delle donne. Ciò accade perché non giungono nella famiglia ulteriori aiuti da parte dello Stato, ma non solo. A dover cambiare pare essere proprio la mentalità che sottende alcune decisioni. La convivenza serena e prolungata di lavoro e famiglia è per la donna una vera e propria utopia. Sensi di colpa compresi.

Pensioni inique

Le donne, inoltre, tendono a ricevere una pensione inferiore agli uomini. Più del 50% delle pensionate, infatti, usufruisce di un reddito pensionistico inferiore ai mille euro.  Anche sul fronte flessibilità e correlate opportunità lavorative, pare che si tratti sempre di un territorio a forte prevalenze maschile e in parte precluso all’occupazione femminile.

 

In breve

 SERVONO MISURE URGENTI

 L’importanza di politiche a sostegno dell’occupazione femminile ormai è diventata un’emergenza. Asili nido, incentivi, part time e lavoro flessibile ma regolare: sono queste le priorità per donne che lavorano.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Plagiocefalia posteriore in bimbo di 3 anni: che fare?

07/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Nel primo anno di vita, il 20 per cento della popolazione pediatrica è interessata da un'assimetria del cranio che non richiede interventi chirurgici e non influisce sul normale sviluppo del bambino. Caschetto e terapia posizionale sono invece ausili preziosi.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti