È definitivo il congedo parentale a ore

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/09/2015 Aggiornato il 15/09/2015

La possibilità di usufruire del congedo parentale a ore non sarà valida solo fino alla fine del 2015. Il Governo ha deciso di renderla definitiva. Ecco le modalità

È definitivo il congedo parentale a ore

Quando si diventa genitori non bisogna districarsi solo fra nuove responsabilità e tanti compiti. Mamma e papà devono informarsi anche in merito alla burocrazia connessa ai loro nuovi ruoli. Infatti, hanno diritto a una serie di agevolazioni, che negli ultimi tempi sono state oggetto di importanti modifiche. In particolare, in tema di congedo parentale. Ecco che cosa cambia.

Più tempo con il bebè

Il congedo parentale non va confuso con il congedo maternità. Quest’ultimo è un’astensione dal lavoro di cinque mesi che la mamma è obbligata a fare a cavallo fra il termine della gravidanza e la nascita del piccolo, in cui percepisce un’indennità (a carico degli enti previdenziali) pari all’80% del suo stipendio (o del 100% se previsto dai contratti nazionali). Il congedo parentale, invece, è un periodo di astensione facoltativa dal lavoro per un totale complessivo di sei mesi, che possono essere goduti insieme o frazionati, durante i quali si percepisce il 30% della propria retribuzione. I genitori possono anche decidere di usufruire entrambi del congedo. In questo caso il numero massimo di mesi di congedo sale a dieci. Se il papà utilizza l’astensione () per non meno di tre mesi, il suo limite è elevato a sette e quello complessivo a undici mesi.

Solo per metà giornata?

Il decreto sulla conciliazione dei tempi lavoro-famiglia contenuto nel Jobs Act approvato a inizio anno aveva stabilito la possibilità per ciascun genitore di scegliere il congedo parentale a ore piuttosto che su base giornaliera o mensile. Questa possibilità era prevista, in via sperimentale, solo fino a fine anno. Ora le cose, però, sono cambiate. Infatti, prima il ministero del Lavoro ha pubblicato una nota in cui ha chiarito che il congedo parentale a ore sarebbe diventato definitivo e dopo qualche giorno l’Inps ha predisposto la specifica circolare applicativa, la circolare 152. Il congedo a ore può essere fruito anche in mancanza di intese tra le parti. In tal caso, però, come si legge nella circolare 152, “la fruizione nella singola giornata di lavoro è necessariamente pari alla metà dell’orario medio giornaliero”. Se, invece, se il congedo è regolato dalla contrattazione collettiva, potrà essere anche di durata inferiore alla mezza giornata.

Come presentare la domanda

I genitori interessati a usufruire del congedo a ore devono presentare una specifica domanda all’Inps, in cui dichiarare il numero di giornate da fruire in modalità oraria. L’invio può essere effettuato utilizzando tre canali:

  • il sito internet dell’Inps, con il codice personale (Pin);
  • il call center dell’istituto di previdenza;
  • i patronati.

 

 

 
 
 

In breve

I TEMPI DI RICHIESTA

Per richiedere il congedo parentale a ore non serve dare un preavviso di 15 giorni: è possibile avvisare il datore di lavoro fino a due giorni prima (non oltre).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti