Fare la mamma: il 98% non si sente pronta

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 08/09/2016 Aggiornato il 08/09/2016

Il 61% afferma che fare la mamma oggi sia più difficile di prima. E quasi nessuna si sente all’altezza della situazione

Fare la mamma: il 98% non si sente pronta

Fare la mamma è un mestiere difficile che necessita di tanta pazienza, forza emotiva e capacità di organizzazione. E la fatica è sempre tanta. Quasi la totalità delle mamme italiane (98% contro il 97% a livello globale) non si sente pronta al cambiamento di vita che la maternità comporto e la maggioranza (il 61% contro il 64% a livello globale) ritiene che fare la mamma oggi comporti molte più difficoltà rispetto agli anni passati: sono alcuni dei dati che emergono da un’indagine condotta su 15 mila mamme di 15 diversi Paesi da Procter&Gamble.

Troppi impegni

Occuparsi dei figli e della casa, lavorare fuori dalle mura domestiche, aver cura dei genitori o dei suoceri anziani: le mamme di oggi devono barcamenarsi quotidianamente tra diversi impegni. Nel nostro Paese l’80% delle mamme è impegnata nella cura dei figli (82% a livello globale), il 44% delle questioni finanziarie (57% globale), il 25% ha un proprio reddito con il quale contribuisce economicamente alla famiglia (33% a livello globale) e il 26% deve occuparsi anche dei propri genitori o dei suoceri anziani (19% globale).

Pazienza e organizzazione

Per far fronte a tutti gli impegni le mamme affermano che sono indispensabili soprattutto doti come pazienza (70% italiane, 76% globale), capacità di organizzazione (62% italiane, 53% globale) e forza emotiva (45% italiane, 54% a livello globale): a differenza di quanto si potrebbe comunemente credere la mamma italiana deve cavarsela maggiormente da sola nella gestione dei figli rispetto alle donne degli altri Paesi coinvolti nell’indagine: in Italia, infatti, solo il 52% delle mamme ha qualcuno che l’aiuta a gestire la prole, contro il 66% a livello globale.

 

 

 
 
 

In breve

LA MATERNITA’ NEL MONDO

Il modo di affrontare la maternità è diverso da Paese a Paese: per esempio le mamme messicane e quelle brasiliane danno più valore al tempo dedicato a loro stesse, alla carriera e alle amicizie, mentre le sud coreane e le giapponesi ritengono che le loro principali responsabilità siano all’interno delle mura domestiche. Le mamme francesi per educare i propri figli ricorrono alle nonne, ovvero alle loro stesse madri, affidando loro il compito di trasmettere valori e tradizioni familiari.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti