Lavoro: non più di 39 ore settimanali per evitare problemi di salute

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 31/03/2017 Aggiornato il 31/03/2017

Per la precisione, la settimana di lavoro “sana” non dovrebbe superare le 34 ore per le donne e le 47 per gli uomini. Necessario rivedere i limiti. Ecco perché

Lavoro: non più di 39 ore settimanali per evitare problemi di salute

Il lavoro rappresenta certamente un aspetto preponderante nella vita di molti di noi. Lavorare troppo però fa male. Pubblicata su Social Science & Medicine, la ricerca della Australian National University Research School of Population Health, evidenzia la necessità di abbassare il limite internazionale di ore lavorative settimanali.

Serve un aggiornamento

Fissato oltre 80 anni fa, questo limite è di 48 ore settimanali e fa riferimento prevalentemente al lavoro maschile, che all’epoca era preponderante. Oggi il mondo del lavoro è completamente cambiato, con donne che si dedicano sempre più alla carriera e trascorrono meno tempo in casa.

Salute fisica e mentale a rischio

Come spiega il ricercatore Huong Dinh, “lunghe ore di lavoro privano del tempo necessario a mangiare bene e prendersi cura di se stessi correttamente, inficiando la salute mentale e fisica delle persone”. Questo perché queste due importanti attività sono spesso sottovalutate ed escluse dalle priorità di una persona in carriera. La salute, sia mentale sia fisica, ne risente, portando a un generale abbassamento del livello di benessere del lavoratore.

Orari diversi per uomini e donne

I ricercatori suggeriscono di ridurre a 39 il limite generale di ore di lavoro settimanali da considerare “sano”. Le donne, però, dovrebbero lavorare meno degli uomini. Spesso, infatti, ricoprono un ruolo centrale nell’economia domestica, svolgono la maggior parte dei lavori in casa e, in generale, si occupano di più della famiglia. Prese le 39 ore settimanali come limite critico generale, oltre il quale la salute mentale e fisica comincia a risentirne, risulta necessario differenziare tra uomini e donne. Per le donne il limite massimo dovrebbe scendere a 34 ore settimanali, mentre per gli uomini la soglia critica potrebbe essere spostata leggermente più in alto: secondo i ricercatori australiani, infatti, un massimo di 47 ore settimanali non dovrebbe comportare rischi per gli uomini che non si occupano dei lavori domestici.

 

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Esiste una malattia del lavoro chiamata workaholism, una vera e propria dipendenza patologia dal lavoro che porta chi ne è affetto a trascurare le relazioni sociali, la famiglia e, nei casi peggiori, a ledere alla salute di se stessi, dei propri familiari e dei propri conoscenti.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti