Lavoro notturno: ci sono maggiori rischi di cancro

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 29/04/2021 Aggiornato il 29/04/2021

L’alterazione del ritmo sonno-veglia derivata da un lavoro notturno potrebbe indebolire il sistema immunitario e facilitare così il cancro

Lavoro notturno: ci sono maggiori rischi di cancro

Chi svolge un lavoro notturno ha maggiori probabilità di ammalarsi di cancro. A rivelarlo è una ricerca pubblicata sul Journal of Pineal Research e condotta dalla Washington State University Health Sciences Spokane, che ha analizzato gli effetti di un ritmo sonno-veglia alterato sulla salute. Dai risultati è emerso come chi lavora di notte sembrerebbe essere più esposto al rischio di ammalarsi.

Sistema immunitario indebolito

La ricerca ha coinvolto 14 volontari. Il campione è stato diviso in due gruppi. Al primo è stato chiesto di svolgere normali ritmi di lavoro diurno, il secondo è invece stato sottoposto ai ritmi del lavoro notturno. Dopo una settimana, dalle analisi del sangue è emerso come i lavoratori notturni presentassero alterazioni in diversi geni riferibili al cancro e, al contempo, minori capacità del Dna di autoripararsi. In pratica, il sistema immunitario di chi lavora di notte si indebolisce e aumenta il rischio di di contrarre malattie.

Legame ancora da approfondire

Come sottolineano i ricercatori dell’ateneo americano, occorrono però ulteriori approfondimenti per comprendere meglio i motivi e i meccanismi che innescano questa reazione e portano tanti lavoratori della notte ad ammalarsi con maggiore frequenza. Quello che pare certo è che esista un legame tra le alterazioni dell’orologio biologico e il rischio di sviluppare il cancro.

 

 
 
 

Da sapere!

Negli anni molti studi sono stati svolti a riguardo, ma la diversità di approccio e la differente rilevanza data alla variabile ritmo sonno-veglia non permette di giungere a conclusioni certe e condivise. Occorrono studi specifici

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti