Mamme: le più vecchie sono quelle italiane

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/03/2013 Aggiornato il 04/03/2013

Italia, Irlanda, Spagna e Svizzera sono i Paesi dove si registra la maternità più tardiva di tutta l’Europa. Lo dice uno studio tedesco. E l’Italia non solo ha le mamme più vecchie, ma anche il più basso tasso di natalità

Mamme: le più vecchie sono quelle italiane

Le mamme più vecchie d’Europa si trovano in Italia, ma anche in Irlanda, Spagna e Svizzera. Lo afferma uno studio comparato dell’Istituto federale tedesco per la ricerca sulla popolazione, dal quale emerge che nei quattro Paesi in testa per avere le mamme più vecchie, una donna partorisce il primo figlio all’età di 31 anni, in Germania poco sopra i 30, mentre le più precoci (27 anni) sono romene, bulgare e ucraine.

L’Italia, oltre ad avere le mamme più vecchie, ha anche il tasso di natalità più basso (1,4 figli per donna), poco più alto di quello della Germania e Ungheria. Le donne più prolifiche dell’Unione Europea sono invece le islandesi con 2,2 figli in media, le irlandesi, le turche e le francesi.

In Italia, poi, oltre un bambino su quattro (27%) è figlio di madre nubile, mentre in Germania un bambino su tre (32%). Il minor numero di bambini nati da madri single si registra in Turchia (2%), seguita da Grecia (6%), Croazia (12%), Svizzera (18%) e Polonia (20%). Sul piano mondiale, la Germania occupa il primo posto per la percentuale di donne senza figli. Lo studio sottolinea che per le donne tedesche avere un figlio è meno importante di perseguire obiettivi di carriera, di coltivare le amicizie e di dedicarsi al tempo libero.

“A mio avviso avere il primo figlio dopo i 30 anni, nella società odierna, è l’età migliore per cui non ci sono né svantaggi né vantaggi – riferisce Gaetano Perrini, ginecologo all’ospedale Mauriziano di Torino -. Un altro discorso invece è averlo dopo i 35 anni. In questo caso è effettivamente più problematico, perché aumenta il rischio di malformazioni al feto, ipertensione e diabete gestazionale. Vantaggi: sicuramente dopo i 35 anni si è più consapevoli e mature”.

In breve

più attenzione dopo i 35 anni

Le problematiche maggiori si riscontrano dopo i 35 anni di età, ma va anche detto che una maternità matura si accompagna spesso a un maggior senso di consapevolezza.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti