Maternità in Italia: sempre più difficile fare figli

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 08/10/2019 Aggiornato il 09/10/2019

In Italia nascono sempre meno bambini. Non solo: siamo anche in cima alla classifica europea per anzianità delle donne al primo parto, con un’età media di 31 anni. E a mettere i bastoni tra le ruote a volte ci si mettono anche i datori di lavoro...

Maternità in Italia: sempre più difficile fare figli

Le mamme italiane non hanno molte agevolazioni e non possono contare su una valida rete di sostegno. Il risultato? A fare figli sono sempre meno donne.  L’ennesima conferma arriva dall’analisi di Save the Children “Le Equilibriste: la maternità in Italia”, da cui emerge che le mamme vivono tutta una serie di difficoltà, specie al sud. Esiste, infatti, una profonda disparità sul territorio.

Un’analisi che fa riflettere

Nel 2018, l’Italia ha registrato un nuovo record negativo per la natalità: le nascite, infatti, sono scese di 9mila unità rispetto all’anno precedente, arrivando a quota 449mila. Si tratta della nona diminuzione consecutiva dal 2008. Oggi, si contano 1,32 figli per donna, contro i 2,38 del 1970. Le famiglia numerose sono sempre di meno: lo scorso anno rappresentavano il 5,3% del totale. Mediamente, una donna ha il primo figlio a 31 anni: si tratta di una delle età più elevate in Europa per fare figli.

Molte le mamme che non lavorano

Questi dati, comunque, non dovrebbero stupire considerando che in Italia c’è pochissimo supporto per le mamme, che spesso sono costrette a scegliere fra carriera e famiglia e non hanno una rete di supporto cui chiedere aiuto. Basti pensare che il 43,2% delle donne tra i 25 e i 49 anni con figli minorenni risulta non occupata e che il nostro Paese è al 70° posto (su 149 Paesi presi in esame) nel Global Gender Gap Report, che analizza il gap di genere: rispetto al 2015 ha perso ben 29 posizioni.

Al sud è ancora peggio

L’Istat ha analizzato per Save The Children la condizione delle madri italiane in relazione a 11 indicatori appartenenti tre diverse dimensioni connesse al fare figli: quella della cura, del lavoro e dei servizi. Sulla base di questi, ha stilato una classifica delle regioni più “mother friendly”. Ebbene, le regioni del Mezzogiorno hanno ottenuto tutti valori sotto 90, in particolare rispetto all’offerta di servizi all’infanzia e all’occupazione femminile. E, infatti, le prime posizioni sono tutte occupate da regioni settentrionali: le Province autonome di Bolzano e Trento conquistano rispettivamente la medaglia d’oro e d’argento, mentre la Lombardia è al terzo posto. Seguono, Valle D’Aosta, Emilia Romagna e Friuli-Venezia Giulia. La regione in cui è più complicato essere madri? La Calabria, preceduta da Sicilia, Campania, Basilicata e Puglia.

 

 

Da sapere!

Fare figli in Italia è complicato anche perché ci sono scarsi aiuti da parte dello Stato. Basti sapere che secondo il rapporto, dal 2004 a oggi, si è registrato un costante peggioramento, in particolare nei servizi per la prima infanzia pubblici, sempre più carenti.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Plagiocefalia posteriore in bimbo di 3 anni: che fare?

07/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Nel primo anno di vita, il 20 per cento della popolazione pediatrica è interessata da un'assimetria del cranio che non richiede interventi chirurgici e non influisce sul normale sviluppo del bambino. Caschetto e terapia posizionale sono invece ausili preziosi.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti