Obesità: esiste un legame con il rapporto madre-bimbo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/05/2014 Aggiornato il 07/05/2014

Una delle cause dell’obesità potrebbe essere un rapporto emotivo instabile con la propria madre

Obesità: esiste un legame con il rapporto madre-bimbo

Uno studio condotto da Kelly Bost della University of Illinois e pubblicato sul Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics, rivela che i bimbi che hanno una relazione instabile con le loro mamme sono quelli che avranno un approccio alimentare squilibrato, correndo il rischio di sviluppare obesità. Il motivo sarebbe essenzialmente psicologico: le madri con il loro atteggiamento possono influire sulla qualità del rapporto che i bambini instaurano con il cibo.

Sgridato invece che rassicurato

Nello specifico la ricerca avrebbe dimostrato come, a rischio obesità, sarebbero tutti quei bambini poco seguiti dalle madri. Secondo gli esperti, alla base del problema vi sarebbe la mancata “presenza” della madre, la quale non rassicurerebbe il figlio nei momenti in cui questo ne avverte maggiormente il bisogno e non gli è vicina nei momenti di gioia. A causa di questa distanza il bimbo sarà nel tempo più propenso a rifugiarsi nel cibo, non per fame, ma per rassicurarsi o alleviare il dolore.

L’importanza dei pasti condivisi

Va da sè che resta fondamentale l’importanza che la mamma dà al cibo, alla qualità di ciò che mette in tavola e all’attenzione con cui prepara le pietanze. Per la prevenzione dell’obesità però sarà necessario prendere in considerazione anche strategie per migliorare il legame madre-figlio e non concentrarsi esclusivamente su cibo ed esercizio fisico. Dai dati è emerso che più le mamme puniscono e rifiutano i problemi dei figli, minore è il numero di pasti familiari ben pianificati e condivisi e maggiore il numero di ore trascorse dai piccoli davanti alla televisione. 

In breve

IL PESO DELLA MENTE SULL’OBESITA’

Secondo un’indagine americana pubblicata sulla rivista scientifica Pediatrics, tra i bimbi che hanno avuto una scarsa qualità di rapporti affettivi con la madre, più di un quarto sono diventati obesi da adolescenti, rispetto al 13 per cento degli adolescenti che hanno mostrato legami più stretti con le loro madri nei primi anni di vita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti