Poco tempo? Alle mamme serve organizzazione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/09/2013 Aggiornato il 30/01/2015

Fra lavoro, casa, figli e marito trovare il tempo per se stesse è un’impresa. Ma le mamme non devono demordere. Basta solo un po’ di organizzazione

Poco tempo? Alle mamme serve organizzazione

Tutte le mamme sono in perenne lotta contro il tempo. Conciliare i diversi ruoli, però, è possibile. Come? Con un po’ di organizzazione. Pianificando le varie attività della famiglia, imparando a delegare, chiedendo aiuto si può trovare un’ora per prendere un caffè con le amiche o per andare in palestra o a fare shopping.

Non avere fretta

Dopo la nascita di un figlio ritrovare i propri spazi è difficile. Ma non impossibile. Bisogna, però, essere consapevoli che molte cose saranno diverse rispetto a prima. Non si può pretendere di ricominciare a comportarsi come un tempo. Ritmi, attività, priorità vanno ritarati, considerando le esigenze del bambino. Il primo consiglio è di non affrettare i tempi. Dopo il parto, è bene concedersi un periodo di “stand by”, in cui preoccuparsi solo di se stesse e del bebè. Solo una volta trascorsi uno-due mesi dal lieto evento, si può iniziare a programmare la propria vita.

Individuare i passatempi preferiti

Per non farsi assorbire completamente dal nuovo ruolo di mamma serve molta organizzazione. Innanzitutto, è bene circoscrivere il cerchio degli interessi. Trovare il tempo per fare tutto è una pretesa irrealistica. Riuscire a ritagliarsi due-tre ore alla settimana per dedicarsi ai propri passatempi preferiti, invece, è assolutamente fattibile.

Imparare a gestire l’agenda

È importante, poi, imparare a gestire al meglio l’agenda. Segnare gli appuntamenti di lavoro inderogabili, le visite dal pediatra, le riunioni con il capo. Chiedere al partner di fare lo stesso e poi confrontare i due planning. Quindi, verificare se ci sono momenti in cui entrambi i genitori non hanno impegni. Sono proprio queste ore di “libertà” da sfruttare per i propri impegni personali: la mamma può chiedere al papà di occuparsi del piccolo mentre va dal parrucchiere o in palestra o esce con un’amica. Se, poi, i genitori non riescono ad alternarsi nella gestione del piccolo, si può chiedere aiuto ai nonni, ad altri parenti o a un’amica. Lasciare il bebè per un paio di ore a settimana a una persona di fiducia non è un dramma… al contrario. La mamma può così avere un po’ di tempo per sé e il piccolo ha l’occasione di socializzare e imparare a stare in mezzo agli altri.

Come comportarsi al lavoro

Anche sul lavoro per le mamme è importante l’organizzazione. Prendere qualche permesso ogni tanto, delegare a un collega più giovane progetti che non richiedono grande esperienza, chiedere al collega più anziano una sostituzione non è indice di scarsa professionalità. 

 
 
 

In breve

NON CI SI DEVE SENTIRE METODICHE

Per combattere la cronica mancanza di tempo che “affligge” tutte le mamme, è necessaria un po’ di organizzazione. Non bisogna temere di diventare troppo metodiche e routinarie: con un bambino, programmare gli impegni è una necessità!

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti