Sono in aumento le mamme che si dimettono

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/07/2015 Aggiornato il 27/07/2015

Sono sempre più numerose le donne che lasciano il lavoro dopo la nascita del primo figlio

Sono in aumento le mamme che si dimettono

Secondo un’indagine del Ministero del Lavoro sono in aumento le mamme che si dimettono dal lavoro. Nel 2014 è stato registrato un incremento dell’11,27% di abbandoni dal lavoro e all’interno di questa percentuale più di una donna su due prende questa decisione dopo la nascita del primo figlio. I motivi della scelta sono da ritrovare soprattutto nel fatto che l’impegno richiesto da un’occupazione lavorativa e le esigenze di cura e di crescita dei figli sono spesso considerati dalle donne incompatibili tra loro.

26.000 dimissioni, quasi tutte donne

Dal monitoraggio annuale svolto dall’Ufficio della consigliera nazionale di parità e dalla direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro emerge, quindi, che sono in aumento le donne-mamme che si dimettono dal lavoro. Sono oltre 26.000 le lavoratrici e i lavoratori che hanno presentato le proprie dimissioni e le  relazioni consensuali sull’abbandono del lavoro. E il dato riguarda per la quasi totalità, e precisamente per l’85%, le madri. Ben oltre 22.000 le dimissioni registrate delle mamme (il 5% in più rispetto all’anno 2013). Il numero dei lavoratori padri, invece, che si sono dimessi o hanno consensualmente risolto il rapporto di lavoro, risulta piuttosto contenuto.

Una scelta difficile

La scelta di lasciare la propria occupazione non è sempre facile da prendere per le varie conseguenze che ne derivano. Ma sono diverse le motivazioni che la giustificano. Alla base dell’abbandono del posto di lavoro o della transizione verso una soluzione più favorevole o ancora verso il lavoro sommerso troviamo oltre alla congiuntura economica, una persistente difficoltà di conciliare i tempi di vita e di lavoro, soprattutto nella fascia d’età tra i 26 e i 35 anni (età del 57% di chi si dimette dal lavoro).

Quattro motivi principali

Sono, dunque, in aumento le donne-mamme che si dimettono dal lavoro e la maggior parte di loro prende questa decisione dopo la nascita del primo figlio. E lo fa essenzialmente per quattro motivi: incompatibilità tra il lavoro e la cura dei figli, elevata incidenza dei costi di assistenza al neonato, mancato accoglimento all’asilo nido e, infine, assenza di parenti di supporto. Il monitoraggio del Ministero del Lavoro ha messo in evidenza un dato interessante: le donne di fronte alle difficoltà di conciliazione tra tempi di lavoro e di cura della prole preferiscono fare sacrifici ma occuparsi a tempo pieno del loro bambino a scapito del reddito e della carriera.

 

 

 
 
 

In breve

PIU’ ABBANDONI NEI SERVIZI

 Per quanto riguarda la distribuzione delle risoluzioni consensuali e delle dimissioni delle donne dal lavoro nei vari ambiti produttivi si registra il 38% del totale nel settore dei servizi, il 33% nel commercio e il 17% nell’area dell’industria.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti