Telelavoro: il parere degli esperti

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 29/03/2012 Aggiornato il 30/01/2015

La realtà del lavoro si sta trasformando e, tra le novità più importanti, c’è il telelavoro. In Italia pochi lo scelgono, anche se gli esperti lo promuovono

Telelavoro: il parere degli esperti

A differenza di altri Paesi europei in Italia sono ancora poche le categorie di lavoratori che potrebbero beneficiare dei vantaggi di affidarsi al telelavoro, in primis le neomamme che ne guadagnerebbero in termini di tempo e di maggiore disponibilità a crescere i figli. Per avere una visione più completa dell’approccio italiano a questa innovativa possibilità tecnologica, abbiamo chiesto un parere ai nostri esperti.

I riscontri del telelavoro sono decisamente positivi

“In questi ultimi anni il mondo del lavoro si sta radicalmente trasformando, tanto nelle grandi realtà quanto in quelle più piccole. Una tra le novità più significative è proprio quella del telelavoro, che consente di eliminare gran parte dei vincoli spaziali e temporali che finora caratterizzavano il lavoro tradizionale. Oltre alla possibilità di migliorare il livello di qualità della vita dei singoli è stata dimostrata anche la validità del telelavoro come metodologia in grado di produrre tangibili benefici sia in campo sociale (per esempio, determinando la riduzione del traffico o creando possibilità di lavoro per le persone disabili) sia aziendale, con un aumento della produttività, riduzione delle spese per gli spazi degli uffici e diminuzione del turnover.”

Sergio Campodall’Orto, docente di economia e organizzazione aziendale presso il Politecnico di Milano

Spesso c’è resistenza all’interno dell’azienda

“La resistenza che si riscontra spesso tra i livelli dirigenziali intermedi nei confronti della sperimentazione del telelavoro è frutto di stereotipi difficili da cambiare e di una visione decisamente arcaica della struttura organizzativa aziendale. Modificare sia modalità operative consolidate nel tempo sia, eventualmente, modalità di retribuzione delle prestazioni introduce, secondo costoro, sensibili incertezze sulla capacità di riuscire a mantenere sotto controllo l’intera macchina organizzativa. In genere, non sono i vertici dell’azienda a essere contrari, ma i livelli dirigenziali più bassi, che forse temono di perdere parte del loro prestigio e potere non avendo più a disposizione una persona in ufficio. Occorre sapere, peraltro, che laddove è stata introdotta questa modalità di lavoro a distanza si è potuto riscontrare un aumento della motivazione e della produttività dei lavoratori pari a circa il 10-12 per cento.”

Massimo Gori, ingegnere elettronico, consulente di direzione e organizzazione aziendale della società Teknova di Milano

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti