Cause depressione post partum: c’è una nuova scoperta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/09/2014 Aggiornato il 12/09/2014

Sembra che tra le cause della depressione post partum vi sia anche la mancanza di una particolare molecola presente nel cervello

Cause depressione post partum: c'è una nuova scoperta

Sbalzi ormonali, stanchezza, nuove responsabilità, predisposizione genetica potrebbero non essere le uniche cause della depressione post partum. Nuove informazioni sui meccanismi alla base di questa malattia così subdola arrivano da un recente studio condotto da un team di ricercatori tedeschi, dell’Istituto Max Planck di Lipsia, e pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology. Secondo gli autori, un ruolo importante potrebbe essere ricoperto da una molecola del cervello.

Dipende da più fattori

La depressione post partum è una malattia seria, che non va sottovalutata. Colpisce solo una piccola parte di tutte le neomamme e può comparire nei primi giorni dopo il parto oppure anche successivamente. Oggi è certo che le cause della depressione post partum sono diverse e interagiscono fra loro. Sicuramente, il rapidissimo calo, che si verifica dopo il parto, dei livelli di estrogeni, progesterone e cortisolo può mettere a dura prova l’umore della neomamma. Anche la stanchezza dovuta a insufficienti ore di sonno e il nuovo ruolo possono mettere in crisi la donna. Altri fattori importanti sono lo scarso supporto pratico ed emotivo ricevuto, le aspettative irrealistiche sulla maternità, gli eventi stressanti. Anche la predisposizione genetica e la famigliarità aumentano le probabilità di malattia.

Analizzate neomamme depresse e sane

Il nuovo studio tedesco fornisce ulteriori dettagli sulle possibili cause della depressione post partum. Gli autori hanno esaminato due gruppi di neomamme: il primo era sano, mentre il secondo era colpito dalla malattia. Tutte le donne sono state sottoposte a degli esami del sangue e a una risonanza magnetica cerebrale. Lo scopo era capire se vi fossero delle differenze significative fra i soggetti depressi e quelli con tono dell’umore normale.

Mancanza di un enzima

Dall’analisi dei risultati, è emerso che le neomamme colpite da depressione post partum presentavano livelli più elevati, rispetto alle altre, della molecola monoammina ossidasi A. Si tratta di un enzima in grado di diminuire la quantità di serotonina e dopamina, due neurotrasmettitori importanti per il benessere del cervello, ma non solo. Queste sostanze, infatti, innalzano anche il buon umore, l’energia e la voglia di fare. 

Si studiano nuove cure

Quella degli studiosi tedeschi è una scoperta molto importante. Infatti, oggi esistono già dei farmaci in grado di agire contro la monoammina ossidasi A. Il passo successivo dunque, consisterà nel condurre ricerche per capire se effettivamente queste molecole possono essere utili nelle neomamme depresse. 

In breve

I SINTOMI

Se le cause della depressione post partum probabilmente non sono tutte conosciute, i sintomi sono certi: la donna si sente costantemente inadeguata nei confronti del nuovo ruolo, prova un senso di delusione, nutre verso il figlio sentimenti di risentimento, prova tristezza, irritabilità, perdita di interesse in ciò che fa, mancanza di energia. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti