Depressione post parto: canta che ti passa

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 19/03/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Incredibile, ma vero! Un’attività semplice come cantare può aiutare a superare i disagi della depressione post parto. Ecco perché funziona

Depressione post parto: canta che ti passa

Cantare può aiutare le mamme a uscire più in fretta dal tunnel della depressione post parto. Uno studio inglese della University College di Londra ha dimostrato che le neomamme che partecipano a sessioni di canto di gruppo con i loro bambini hanno un miglioramento più rapido dei sintomi.

I numeri del problema

La depressione post parto colpisce dal 7 al 12% delle neomamme ed esordisce generalmente tra la 6ª e la 12ª  settimana dopo il parto. La donna si sente triste senza motivo, irritabile, facile al pianto, non all’altezza degli impegni che la attendono. Un sentimento ricorrente è la vergogna, mista a senso di colpa. Si tratta di un serio problema di salute pubblica, se si considerano la sofferenza della donna e dei suoi familiari e la compromissione del suo funzionamento personale, sociale e lavorativo. Il disturbo interferisce anche con la capacità di instaurare un rapporto sereno con il bambino: il 67% delle madri con depressione post parto riferiscono difficoltà di interazione e attaccamento.

Cure a confronto

Nel corso della ricerca inglese 134 donne sono state divise in tre gruppi: uno ha partecipato al canto in gruppo, imparando ninna nanne e creando nuove canzoni sulla maternità, un altro è stato sottoposto a sessioni di gioco creativo e il terzo ha ricevuto le cure standard, come supporto familiare, antidepressivi o mindfulness. Al termine dello studio si è visto che le donne cui era stato chiesto di cantare, e che presentavano sintomi moderati e gravi di depressione post parto, erano migliorate più in fretta rispetto alle altre mamme.

Risultati in tempi brevi

Tutte hanno visto ridurre i sintomi della depressione post parto nell’arco di 10 settimane, ma quelle del gruppo del canto già dopo 6 settimane avevano una riduzione media del 35% dei sintomi depressivi. I risultati indicano come cantare con i propri bambini possa rendere più veloce il recupero dopo il parto e aiutare le donne a uscire da un momento di grande vulnerabilità psicofisica, come quello del post parto.
 

 

 
 
 

Da sapere!

Già diversi studi hanno evidenziato come, nell’ambito della depressione, la musicoterapia possa esercitare significativi risultati nel miglioramento del tono dell’umore.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che in seguito alla vaccinazione si possa trasmettere la malattia contro la quale si è stati vaccinati. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti