Depressione post parto: ecco che cosa succede nel cervello

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 14/01/2019 Aggiornato il 22/01/2019

La depressione post parto fa paura e al tempo stesso viene troppo spesso sottovalutata. Si è scoperto però che ha caratteristiche sue proprie, che è bene conoscere

Depressione post parto: ecco che cosa succede nel cervello

Non è la solita tristezza che arriva dopo la nascita del bimbo per stanchezza e solitudine. La vera depressione post parto è una malattia a tutti gli effetti e che può arrivare a tragici effetti, come i frequenti casi di cronaca riportano ormai con una certa frequenza. Ma che cosa succede nella mente di una mamma con depressione post parto? Un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori americani e francesi, rispettivamente della Michigan State University e dell’Université di Rennes, potrebbe aiutare a fare chiarezza su ciò che succede nel cervello delle donne colpite.

Esaminate 20 ricerche

Gli autori hanno esaminato tutte le ricerche presenti in letteratura condotte nel campo della neurobiologia e riguardanti la depressione post parto. Complessivamente, hanno preso in considerazione 20 studi, tutti realizzati su donne in gravidanza o appena diventate mamme. Lo scopo era trovare informazioni che aiutassero a fare luce su una malattia ancora così poco conosciuta. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Trends in Neuroscience.

Alcune aree cerebrali si attivano in modo anomalo

Gli studiosi hanno analizzato i dati delle risonanze magnetiche cerebrali effettuate nelle 20 ricerche esaminate. Hanno così creato una rappresentazione grafica della depressione post parto e delle altre forme depressive, come il baby blues. In questo modo hanno scoperto che la depressione e l’ansia post parto attivano aree cerebrali più diffuse e differenti rispetto alle altre forme di malattia. “Il grafico evidenzia come alcune, estese, aree cerebrali siano coinvolte unicamente dalla depressione post parto e non negli altri casi” hanno spiegato. Per esempio, l’amigdala, l’area del cervello che interviene nella gestione delle emozioni, non è particolarmente sollecitata nelle neomamme depresse. Al contrario, nella depressione post parto sono molto sviluppare le aree che intervengono nella regolazione dello stress, nei processi sensoriali, nei meccanismi di ricompensa e motivazione.

La malattia non va confusa con altre depressioni

Gli esperti hanno concluso che fra il cervello delle neomamme affette da depressione o ansia e quello delle persone con altri tipi di depressione ci sono delle differenze. Nel primo caso, infatti, subentrano delle alterazioni nelle aree correlate con molte attività e cure materne. È importante, dunque, smettere di considerare la malattia come una normale depressione o addirittura sottovalutarla. È una patologia ben definita, con una propria dignità. “Abbiamo bisogno di capire che parlare di depressione post parto e ascoltare le donne, aiutarle a stare meglio migliorando la loro salute e il benessere nel delicato periodo della nascita aiuta non solo le madri ma fa crescere più sani anche i loro figli” hanno raccontato gli esperti.

 

In breve

SERVE PIU’ CONSAPEVOLEZZA

È importante che mamme e anche medici si rendano conto che la nascita di un figlio non è necessariamente un eventi gioioso. La depressione post parto è più comune e insidiosa di quanto si pensi comunemente.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti