Depressione post partum: colpisce una mamma su sette

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/04/2013 Aggiornato il 10/04/2013

Secondo uno studio su oltre 10 mila mamme, la depressione post partum è oggi un disturbo in crescita e rischia di riguardare sempre più donne dopo la nascita del bambino

Depressione post partum: colpisce una mamma su sette

È costato un anno di studio su 10 mila neomamme americane, ma la ricerca è giunta a risultati che fanno riflettere: una donna su sette svilupperà una forma di depressione post partum da tenere sotto controllo. È un dato importante perché è un invito a non sottovalutare il problema. Se dopo la nascita del bimbo ci si sente molto tristi, non bisogna sentirsi sole e “in colpa” ma chiedere subito aiuto perché è un disturbo comune a molte altre donne. Prima, infatti, viene fatta la diagnosi di depressione post partum e più rapida e tempestiva può essere la cura.

A rischio il 14% delle neomamme

Lo studio sulla depressione post partum, condotto dalla dottoressa Dorothy Sit e dai suoi colleghi dell’università di Pittsburgh, negli Stati Uniti e pubblicati sulla rivista scientifica Jama Psychiatry, ha osservato 10 mila neomamme ricoverate presso la Divisione di Ginecologia e Ostetricia dell’ospedale di Pittsburgh per un anno intero, con interviste telefoniche e visite a domicilio. I risultati sono stati sconfortanti: si è visto che il 14% delle donne analizzate era a rischio depressione post partum, anche con sintomi molto gravi.

I segnali della depressione

Uno degli indicatori di depressione post partum è la mancanza di voglia di ridere e di cercare il lato divertente delle cose. “Abbiamo chiesto loro”, spiega la responsabile del progetto “se avevano la capacità di guardare il futuro con gioia, anche se non è necessariamente colpa loro quando le cose vanno male. Se avevano sensazioni di ansia o preoccupazioni senza apparente motivo, o fossero spaventate o in preda al panico senza una buona ragione”.

Quando diventa grave

Se la depressione non viene curata in tempo, può diventare molto grave. Spiega sempre la dottoressa Doroty Sit: “abbiamo scoperto che il 20% delle mamme a rischio depressione ha avuto pensieri di suicidio: pensieri di morte, di attendere di morire; non volersi svegliare, solo scappare. In effetti alcune pazienti con sintomi molto gravi avevano preso la decisione di togliersi la vita”. Per questo è importante intervenire subito ai primi sintomi di depressione, rivolgendosi al proprio medico curante o all’ospedale dove si è partorito. Se curata all’inizio, la depressione post partum si risolve anche in breve tempo.

In breve

OLTRE LA SEMPLICE TRISTEZZA

Subito dopo il parto, per questioni ormonali, è normale che la neomamma soffra di sbalzi di umore, nervosismo e momenti di tristezza inspiegabile. Per parlare di depressione post partum, invece, occorre che questi sintomi diventino più persistenti e gravi. In caso di dubbio, è sempre meglio chiedere aiuto allo specialista.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti