Depressione post partum: ne soffre una mamma su tre

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/03/2014 Aggiornato il 28/03/2014

Una recente indagine rivela che, in Lombardia, circa il 16% delle donne si ammala di depressione in gravidanza o nel post partum

Depressione post partum: ne soffre una mamma su tre

Fa paura, ma spesso è sottovalutata. Eppure la depressione post partum non è uno spauracchio “immaginario”, bensì un disturbo reale. La conferma arriva da una recente indagine, condotta da O.N.Da, l’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna.

L’indagine in Lombardia

La ricerca ha coinvolto 502 mamme e 500 papà lombardi di età compresa fra i 25 e i 55 anni. Lo scopo era capire le percezioni e i vissuti relativi alla depressione post partum. Dai dati raccolti, è emerso che il 20% delle donne intervistate ha dichiarato di aver ricevuto una diagnosi di malattia durante la prima gravidanza o comunque pensa di averne sofferto, in media all’età di 31 anni.

Poca informazione

La stragrande maggioranza del campione ha ammesso di non essere molto informato sull’argomento. Del resto, quasi la metà delle mamme intervistate ha dichiarato che non avrebbe mai ipotizzato di poter soffrire del problema. Le fonti informative più comuni sono state l’esperienza diretta o indiretta e il “sentito dire”. Un ruolo importante è rivestito da internet e dalla stampa.

I fattori di rischio più comuni

Fra le donne che hanno avuto la depressione post partum, meno della metà ne ha parlato con un medico. Fra quelle che lo hanno fatto, il 43% si è rivolta al medico di famiglia, il 22% allo psicologo e il 19% al ginecologo. I sintomi più comuni della depressione post partum? Tristezza, irritabilità, senso di inadeguatezza e perdita di interesse. Secondo i partecipanti all’indagine, i principali fattori di rischio sono:

– il cambiamento di vita e le nuove responsabilità della neomamma,

– gli squilibri ormonali,

– la fragilità e debolezza emotiva,

– lo stress del parto,

– il sovraccarico di impegni.

Il ruolo del compagno

L’analisi ha indagato anche il punto di vista degli uomini. Il 72% di quelli che non hanno avuto una compagna con depressione post partum ha dichiarato che, in caso di malattia, si sentirebbe chiamato in causa e la considererebbe quasi un problema “di coppia”. La realtà, però, è molto diversa: solo il 50% dei papà che hanno sperimentato la malattia è stato in grado di aiutare la propria compagna e si è sentito partecipe. “Sono dati che fanno riflettere e rendono necessario promuovere una maggiore informazione sulla malattia: come identificarla, a chi rivolgersi in caso di difficoltà e come affrontarla” ha concluso Francesca Merzagora, Presidente di O.N.Da.

 

In breve

IL PROGETTO DI PREVENZIONE

Contro la depressione post-parto è stato ideato un progetto di ricerca indipendente finanziato dalla Regione Lombardia e svolto dall’Azienda ospedaliera Fatebenefratelli e oftalmico di Milano, che sta consentendo a psichiatre, psicologhe e pediatre di recarsi direttamente a casa di donne che da poco hanno partorito, per dare loro conforto, attenzione e cura.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti