Depressione post-partum: il rischio è “scritto” nei capelli

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 02/01/2018 Aggiornato il 10/08/2018

La depressione post-partum si può prevedere dai livelli di cortisolo presenti nei capelli delle future mamme

Depressione post-partum: il rischio è “scritto” nei capelli

Sembra sia possibile capire se una donna soffrirà di depressione post-partum dall’analisi dei suoi capelli: è questo il risultato di uno studio spagnolo condotto dalla professoressa María Isabel Peralta Ramírez dell’Università di Granada (Spagna) e fa parte del progetto di ricerca “Gestastress” che ha l’obiettivo di capire come lo stress cronico nella gestante possa influire sul parto, sul rapporto mamma-bebè e sullo sviluppo neurologico del neonato.

Lo studio spagnolo

I ricercatori hanno coinvolto 44 gestanti suddivise in due gruppi: uno era formato da donne che presentavano comportamenti predittivi solitamente associati alla depressione post-partum, l’altro, invece, da donne prive di sintomi. Gli esperti le hanno, poi, seguito per tutta la gravidanza, misurando i livelli di cortisolo, il principale ormone dello stress prodotto dalle ghiandole surrenali, depositati sui capelli nel primo e terzo trimestre e dopo la nascita dei piccoli. Il cortisolo nel capello è indicativo del grado di stress affrontato nei tre mesi precedenti l’analisi. È così risultato che le donne con più cortisolo nei capelli avevano un rischio maggiore di sviluppare la depressione post-partum.

Un’alta incidenza

La depressione post-partum colpisce circa il 10% delle donne dopo la nascita del bambino, ma può presentarsi anche a distanza di tempo. C’è probabilmente una base biologica legata ai cambiamenti ormonali tipici del periodo, sulla quale si innestano però altri fattori. I sintomi tipici di questo disturbo sono i cambiamenti di umore, le crisi di pianto, la perdita dell’appetito, l’irritabilità, l’insonnia o la difficoltà a rimanere sveglie, l’assenza di interessi nelle attività quotidiane e verso il neonato.

Diverse strategie di intervento

Generalmente si può intervenire attraverso la psicoterapia, oppure con la somministrazione di farmaci antidepressivi con formulazioni che possono essere assunte anche durante l’allattamento.

 

 

 
 
 

In breve

UN TEST SEMPLICE MA EFFICACE

È ora ipotizzabile realizzare un test semplice ed economico per la diagnosi precoce della depressione post-partum, in modo da intervenire sul disturbo già durante la gravidanza.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti