Disturbi del puerperio? Prova con l’elettrostimolazione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/03/2014 Aggiornato il 24/03/2014

L’elettrostimolazione è efficace contro due disturbi del puerperio molto diffusi: l’incontinenza e la scarsa tonicità muscolare. Ecco come funziona

Disturbi del puerperio? Prova con l’elettrostimolazione

Il puerperio è sicuramente un periodo bellissimo e intenso. Ma anche faticoso: l’organismo deve tornare lentamente alla normalità e, per questo, possono comparire una serie di disturbi più o meno accentuati. Per due di essi si può chiedere aiuto all’elettrostimolazione.

In che cosa consiste

L’elettrostimolazione è una tecnica utilizzata da anni nel campo della riabilitazione e dell’estetica. In pratica, si tratta di una stimolazione muscolare indotta dall’esterno: un apposito macchinario emette una corrente elettrica che viene veicolata nella zona interessata tramite elettrodi fissati alle fibre nervose o direttamente sui muscoli. Questa corrente stimola le fibre nervose fino al muscolo, che reagisce contraendosi. Si tratta di un ottimo trattamento per le donne durante il puerperio, che non hanno grandi energie a disposizione. Infatti, per beneficiare dei risultati non è necessario fare sforzi, ma si può stare comodamente sedute.

Per le perdite di pipì

Innanzitutto, l’elettrostimolazione può essere utilizzata per trattare uno dei disturbi del puerperio più diffusi: l’incontinenza, ossia la perdita involontaria di pipì anche in seguito a eventi banali, come un colpo di tosse. Questo problema deriva quasi sempre dalla forzatura esercitata dal bebè al momento del parto sulla muscolatura del pavimento pelvico e del perineo. Si tratta dell’insieme dei muscoli e dei tessuti che sostengono l’apparato riproduttore e urinario della donna. In questi casi, gli elettrodi vengono posizionati all’interno della vagina e aiutano a rendere più tonico il pavimento pelvico e il perineo. Di conseguenza, i muscoli riacquistano le loro funzioni: si chiudono intorno agli orifizi pelvici, prevengono le perdite e contribuiscono a mantenere in sede gli organi interni.

Per la pancia molle

I disturbi del puerperio sono anche di ordine estetico. La maggior parte delle neomamme deve fare i conti con un addome molto rilassato, che si trova improvvisamente vuoto. L’elettrostimolazione può accelerare i tempi di recupero: induce i muscoli della pancia a contrarsi, aumentandone la tonicità. Se unità all’attività fisica i risultati saranno ancora migliori.

In breve

A CHI RIVOLGERSI

Le donne che vogliono sottoporsi all’elettrostimolazione possono rivolgersi a centri estetici o fisioterapici che possiedono il macchinario. Esistono, comunque, anche degli apparecchi per uso domiciliare. In genere, i primi risultati si iniziano a vedere già dopo poche sedute. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti