I rimedi per la stitichezza dopo il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/08/2013 Aggiornato il 26/08/2013

Si tratta di uno dei disturbi più comuni del post parto. Niente paura: superare la stitichezza è possibile. Ecco alcuni rimedi utili

I rimedi per la stitichezza dopo il parto

La stitichezza è un problema comune non solo durante la gravidanza, ma anche nel post parto. Tutta colpa del calo dei livelli di progesterone e delle modificazioni che interessano la zona addominale. Il ritorno dell’utero alle dimensioni normali può riflettersi sulla peristalsi, l’attività contrattile dell’intestino, necessaria all’evacuazione. Inoltre, spesso la neomamma non sente il bisogno di svuotare l’intestino.  Ecco alcuni rimedi utili per risolvere il problema.

I cibi che aiutano

Tra i rimedi più consigliati per combattere la stitichezza post parto c’è, innanzitutto, quello di mangiare molta frutta e verdura: contengono fibre, sostanze che aumentano la morbidezza e il volume delle feci, favorendo lo stimolo alla defecazione e accelerando la motilità intestinale. Via libera anche ai latticini, come lo yogurt, che aumentano il grado di acidità intestinale (il pH). La maggiore acidità, infatti, promuove l’efficienza della flora batterica intestinale (necessaria alla salute dell’apparato gastrointestinale) e, di conseguenza, la corretta evacuazione.

No agli alimenti astringenti

È meglio limitare, invece, il consumo degli alimenti con azione astringente: more, mirtilli, fichi d’india, ribes neri, limone, tè e cacao. Il limone, in particolare, andrebbe sostituito con l’aceto di mele. Non  bisogna, poi, esagerare con il sale, che attira a sé una grande quantità di acqua, lasciando all’asciutto i residui alimentari nell’intestino e le feci che ne derivano, che dunque diventano dure e difficili da espellere. Tra i rimedi utili contro la stitichezza c’è, dunque anche quello di insaporire i piatti con le erbe aromatiche: hanno azione antifermentativa, stimolano la produzione di saliva e la motilità intestinale.

Acqua a volontà

Per combattere la stitichezza occorre anche bere molto nell’arco della giornata, così da stimolare la motilità dell’intestino, ammorbidire le feci e facilitarne l’espulsione. L’ideale è bere spesso a piccoli sorsi. Oltre all’acqua, vanno bene anche i centrifugati di verdura, le spremute, i succhi e le tisane.

Fare sport

Per migliorare la stitichezza, è utile praticare anche un’attività fisica, che stimola l’intestino pigro. Nel post parto, però, è consigliabile non iniziare a fare sport troppo presto e non sottoporsi ad allenamenti molto intensi, che possono affaticare la neomamma già provata dal parto e dai nuovi ritmi di vita con il bebè.   

In breve

IMPARARE A MASTICARE A LUNGO

Per combattere la stitichezza è importante anche masticare con calma e a lungo gli alimenti. Solo in questo modo, infatti, si favorisce la produzione di saliva, che aiuta la scomposizione dei cibi e la formazione delle feci.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti