Igiene intima post parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

I prodotti per la detersione delle zone delicate devono essere scelti con cura: dopo il parto, infatti, si è più esposte alle infezioni. Ecco i consigli per una corretta igiene intima

Igiene intima post parto

Dopo la nascita del bebè bisogna prestare attenzione in modo particolare all’igiene intima. Infatti, in seguito alla gravidanza, anche a causa delle perdite di sangue che seguono il parto (le lochiazioni) le parti intime sono più esposte al rischio di infezioni. Inoltre, a molte donne, durante il parto viene praticata l’episiotomia: un taglietto tra la vagina e l’ano, che necessita di alcuni giorni per cicatrizzarsi e che deve essere mantenuto pulito e asciutto.

L’importanza del rito quotidiano

La flora batterica ha il compito di mantenere l’acidità naturale dell’ambiente vaginale, impedendo la proliferazione di agenti nocivi. La gravidanza provoca cambiamenti ormonali che diminuiscono l’efficacia della flora batterica vaginale. Le parti intime, quindi, dopo il parto sono meno protette.
L’igiene intima è importante perché, non solo ha una funzione igienizzante, ma protegge anche la mucosa vaginale da arrossamenti. È fondamentale usare solo prodotti delicati e dal pH leggermente acido (tra 3,5 e 5,5), reperibili in farmacia: i detergenti aggressivi possono impoverire ulteriormente la flora batterica.
L’ideale è eseguire un’accurata igiene alla mattina e alla sera, lavandosi con movimenti che vanno dalla vagina verso l’ano, in modo da non trasportare eventuali germi e batteri fecali nella zona genitale.

Assorbenti, qualche consiglio d’uso

Dopo il parto si verificano perdite di sangue dalla vagina. Sono le lochiazioni, che indicano come l’utero stia tornando alla normalità, anche se le sue dimensioni sono ancora superiori alla norma e il collo è ancora un po’ dilatato. Proprio per questo motivo è a maggiore rischio di infezioni.
Ecco perché è importante scegliere gli assorbenti giusti, meglio se sono specifici per il dopo parto. Essi sono consigliati anche in caso di episiotomia, da usare finché la ferita non si è rimarginata. L’assorbente va cambiato ogni 3-4 ore circa, per evitare che i germi si riproducano e che passino in vagina oppure che si crei umidità, rallentando così il processo di cicatrizzazione dell’episiotomia.

Le 5 regole intime

  1. Lavarsi con il detergente giusto mediamente un paio di volte al giorno. In caso di sudorazione o di perdite vaginali, occorre sciacquare spesso le zone intime con abbondante acqua tiepida, senza usare però il detergente, che può risultare aggressivo se usato troppe volte durante la giornata.
  2. Asciugare delicatamente le zone intime tamponando con un asciugamano o un telo pulito e morbido.
  3. Preferire sempre la biancheria in cotone, pulita e asciutta, per evitare il ristagno d’umidità. I capi sintetici favoriscono la sudorazione e lo sviluppo di germi.
  4. Non utilizzare i comuni detergenti per il corpo perché potrebbero risultare troppo aggressivi. Inoltre, possono provocare una sorta di esfoliazione delle cellule che rivestono la superficie della mucosa genitale, aumentando il rischio di infezioni batteriche.
  5. Preferire i saponi liquidi in flacone, perché sono più igienici: quelli solidi, infatti, sono più esposti all’azione diretta dell’aria e della polvere.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti