Incontinenza post parto: un problema diffuso. Come farlo passare in fretta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/11/2012 Aggiornato il 15/11/2012

L’incontinenza post parto è un problema che riguarda moltissime neomamme; in genere si risolve naturalmente nel giro di un mese. Ecco che cosa occorre sapere

Incontinenza post parto: un problema diffuso. Come farlo passare in fretta

Un disturbo comune dopo la gravidanza

Un piccolo colpo di tosse o una semplice risata ed ecco che sei improvvisamente bagnata e ti senti a disagio. L’incontinenza post parto è un disturbo molto comune nelle puerpere, che riguarda in particolar modo chi ha partorito per via naturale, e di solito tende a risolversi da solo nel giro di un mese. Se però il disagio persiste, è opportuno rivolgersi al proprio medico che sarà in grado di dare consigli sulla soluzione più adatta.

I muscoli del pavimento pelvico sono indeboliti

Dopo il parto i muscoli del pavimento pelvico (quelli che si estendono da un capo all’altro del bacino) e del perineo (la zona che va dalla vagina all’ano) sono naturalmente meno tonici di prima, perché nella progressione lungo il canale del parto, la testa del piccolo provoca uno stiramento dei muscoli del pavimento pelvico, un incremento della distanza tra ano e vulva con conseguente perdita di tonicità e di contrattilità. Queste modificazioni determinano una ridotta prestazione muscolare che si può manifestare, in alcuni casi, proprio con l’incontinenza post parto, ma anche con una certa difficoltà nella ripresa dei rapporti sessuali e in rari casi con una caduta verso il basso (prolasso) dell’utero e delle pareti vaginali.

I fattori all’origine del problema

È più facile che l’incontinenza post parto compaia se:
– il parto è stato lungo e il bimbo è rimasto più tempo nel canale del parto perché la muscolatura del bacino viene sottoposta a maggiore stiramento, con la conseguenza di perdere ulteriormente tonicità;
– il bimbo è particolarmente grosso: il passaggio del piccolo sottopone a sforzo maggiore la muscolatura perineale della mamma, aumentando il rischio di un’eventuale futura incontinenza urinaria. Lo stesso vale se la gravidanza è gemellare;
– la donna ha già partorito: durante la prima gravidanza, i muscoli hanno, in genere, ancora una grande elasticità e sopportano meglio la pressione dell’utero e il passaggio del feto al momento del parto. In quelle successive, invece, la muscolatura della zona del bacino viene ulteriormente sollecitata e quindi la situazione può peggiorare.

Come intervenire

Il problema si può risolvere in vari modi, il primo è rappresentato dalla ginnastica: restituendo tono ed elasticità alle strutture muscolari che sostengono il peso degli organi pelvici e addominali. Ciò è possibile con alcuni esercizi di ginnastica, che andrebbero eseguiti già negli ultimi mesi della gravidanza in via preventiva, per mantenere in forma i muscoli che devono sopportare il peso dell’utero e lo stress del parto. Questo tipo di ginnastica è chiamata fisiokinesiterapia. Consiste in esercizi molto semplici che possono essere eseguiti in centri specializzati o a casa.
Gli esercizi devono essere ripetuti frequentemente durante la giornata e per un periodo di molte settimane. Prima di iniziarli occorre svuotare la vescica e ricordarsi di respirare usando il diaframma, inspirando ed espirando lentamente.

Gli esercizi da fare

1. In posizione seduta o eretta, mettere in tensione il perineo e “stringere” usando i muscoli del pavimento pelvico. Ripetere più volte al giorno.
2. Una volta alla settimana, mentre si fa la pipì, cercare di interrompere completamente il flusso di urina.
3. In piedi, gambe leggermente flesse e divaricate, mani appoggiate ai fianchi, dondolare il bacino: inspirare spostando indietro il bacino ed espirare “spingendo” in avanti il bacino, contraendo il muscolo pelvico e gli addominali.
4. In posizione supina con le gambe flesse, contrarre il muscolo interno del bacino; una mano va appoggiata sulla parte bassa dell’addome per controllare l’attività antagonista dei muscoli addominali.

In breve

Quelle fastidiose perdite di pipì…

Dopo aver partorito sono moltissime le neomamme a soffrire di incontinenza urinaria, un disturbo che di norma nel giro di un mese si risolve da solo. È causato da un indebolimento del pavimento pelvico conseguente allo sforzo a cui sono stati sottoposti i muscoli durante il parto.
Uno dei metodi più efficaci per risolvere in fretta il problema, è rappresentato da alcuni esercizi mirati di ginnastica, che rafforzano la muscolatura del perineo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Talco al cambio del pannolino? Meglio di no!

25/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Il talco è un prodotto che non è opportuno usare per la cura dei bambini perché può causare vari problemi.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti