Incontinenza urinaria: la poltrona tecnologica può curarla

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 29/11/2021 Aggiornato il 01/12/2021

L’incontinenza urinaria è una malattia molto comune: coinvolge circa 5 milioni di persone in Italia, in prevalenza donne. La tecnologia può aiutare

Incontinenza urinaria: la poltrona tecnologica può curarla

L’incontinenza urinaria è un disturbo che coinvolge circa 5 milioni di persone in Italia, di cui il 60% sono donne e gli effetti ricadono sulla qualità della vita. I disagi sono anche psicologici ma, spesso, si agisce sulle conseguenze e non sulle cause del problema.

Agire sul pavimento pelvico

È importante, invece, nei casi di incontinenza urinaria femminile, rafforzare i muscoli del pavimento pelvico. Al riguardo in aiuto arriva la tecnologia “Dr. Arnold”, il nuovo dispositivo medico  che stimola i muscoli del pavimento pelvico attraverso campi elettromagnetici, con la totale tollerabilità del trattamento per il miglioramento dell’incontinenza urinaria

Il parere dell’esperto

Il professor Stefano Salvatore, specialista in ginecologia e ostetricia all’ospedale San Raffaele  di Milano, uno dei maggiori esperti  nella cura delle disfunzioni pelviche femminili,  spiega: “Tantissimi sono i casi di giovani donne che dopo il parto riferiscono di soffrire di incontinenza urinaria come conseguenza dell’indebolimento del pavimento pelvico durante la gravidanza. Dr. Arnold è il nuovo dispositivo terapeutico che attraverso speciali campi elettromagnetici interagisce con il tessuto neuromuscolare, inducendo contrazioni particolarmente intense e non volontarie, in grado di migliorare la performance dei muscoli del pavimento pelvico, ripristinandone il controllo neuromuscolare”

Bastano poche sedute

Il trattamento si basa su una nuova tecnologia che, restando comodamente sedute su una poltrona, genera una stimolazione magnetica modulata ed uniforme del tessuto muscolare per la tonificazione e la riabilitazione del pavimento pelvico. Questo metodo (in 6-8 sedute) può aiutare a risolvere numerose problematiche legate all’incontinenza urinaria dovuta alla menopausa, ma anche – come si diceva – a quella comparsa dopo il parto.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Risolvere l’incontinenza urinaria significa anche assicurarsi un miglioramento della qualità della vita, inclusa la sfera sessuale.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti