Ingorgo mammario

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

L'ingorgo mammario si verifica quando le mammelle non vengono svuotate del tutto durante la poppata. Ecco cosa fare in caso di fastidi

Ingorgo mammario

Il latte rimasto all’interno del seno ostruisce i dotti galattofori (i canalini dove scorre il latte), provocando dolore; a sua volta, il bebè, pur succhiando, non riesce a saziarsi, perché il latte è “bloccato” all’interno della mammella. Le cause possono essere tante: da una produzione eccessiva di latte rispetto alle necessità del bimbo alla scorretta posizione del bebè durante la suzione, alle ragadi. Si crea così un circolo vizioso, per cui la mamma, avvertendo bruciore, riduce il tempo delle poppate, impedendo al seno di svuotarsi e peggiorando il problema.

Che cosa fare

  1. Non smettere di allattare: anche se la neomamma avverte dolore durante la suzione, attaccare il bimbo al seno rappresenta la soluzione migliore per svuotare le mammelle e, quindi, risolvere l’ingorgo.
  2. Applicare impacchi caldi sul seno, per stimolare il drenaggio delle ghiandole mammarie.
  3. Spremere manualmente o con l’aiuto del tiralatte il seno per fare uscire il latte.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti