Come eliminare la depressione post parto in modo veloce?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 23/11/2022 Aggiornato il 23/11/2022

La depressione post parto è un problema molto diffuso ma spesso sottovalutato. Per questo è importante individuare i casi e trattarli presto

La depressione post parto va curata subito

Almeno una donna su 5, secondo gli esperti, soffre di depressione post parto. In qualche caso, in realtà più raro, possono verificarsi forme serie di psicosi che mettono a repentaglio il benessere della donna, del neonato e interferiscono con il rapporto madre-figlio. La depressione e l’ansia dopo la nascita di un bambino restano però sottostimate, perché sono poco accettate socialmente. La neomamma si vergogna a parlarne, mentre amici e parenti faticano ad accettare la tristezza in uno dei momenti più belli della vita.

Perché è importante scoprire la depressione post parto?

A causa di questo stigma sociale, troppi casi di depressione post parto sfuggono alla diagnosi. Non parlarne e non intervenire, però, espone a rischi anche a distanza di tempo. Secondo gli esperti, il disturbo dell’umore prosegue a volte nell’anno successivo al parto e circa il 20% delle donne non guarite arriva a nutrire pensieri suicidi o a compiere atti di autolesionismo. Per questa ragione l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha lanciato nuove Linee guida per l’integrazione della salute mentale perinatale nei servizi di salute materna e infantile.

Che cosa suggeriscono le Linee guida Oms?

Secondo L’Oms, esistono ormai evidenze scientifiche sul valore di un approccio che si basa su diversi step.

  • È necessario uno screening sulle donne in attesa, che possa individuare i casi a rischio, valutando fattori come la presenza di disturbi dell’umore in famiglia e specifiche situazioni;
  • La diagnosi di depressione dopo il parto deve avvenire in modo accurato, grazie a una rete di supporto che coinvolga specialisti;
  • La gestione delle condizioni di salute mentale deve essere affidata a servizi di salute materna e infantile, per identificare il prima possibile i sintomi del disagio e dare risposte adatte. Questo richiede, tra le altre cose, personale formato in modo adeguato.

 

Secondo l’Oms, infatti, i servizi di assistenza alla maternità durante il periodo perinatale rappresentano un’opportunità unica per sostenere le donne in un ambiente rispettoso e privo di stigma, portando a una maggiore partecipazione e un migliore coinvolgimento nella cura delle donne e dei loro bambini e a un maggiore benessere della società.

A cosa è dovuta la depressione post parto?

Fattori biologici, psicologici e sociali possono contribuire alla comparsa di questo problema. Il calo di estrogeni e progesterone comporta una sensazione di tristezza e spossatezza, resa più intensa dalla mancanza di sonno. Le donne perfezioniste, insicure, ansiose, non sostenute da un adeguato contesto famigliare e relazionale sono più esposte alla depressione post parto. Incide anche lo sfasamento tra le aspettative della maternità e la realtà quotidiana. L’idea che sia sufficiente essere madre per occuparsi in serenità e gratificazione del neonato, si scontra con stanchezza, pianti del piccolo, difficoltà quotidiane fino a convincere di essere inadeguata. Infine, la predisposizione è coinvolta: una donna che ha sofferto di depressione in un altro periodo della vita corre un rischio maggiore di incorrere anche nella depressione dopo il parto.

Quanti tipi di depressione dopo il parto esistono?

Esistono tre tipi di depressione dopo il parto.

  • Il baby blues o “malinconia della maternità” è molto frequente, compare tre-quattro giorni dopo il parto, per scomparire 10-15 giorni dopo la nascita del bambino.
  • La depressione post parto vera e propria può comparire dalle prime settimane dopo il parto fino all’anno di vita del bambino. Può essere l’inizio di una depressione cronica e non guarire.
  • La psicosi puerperale è la forma più seria che colpisce circa l’1 per cento delle neomamme. Oltre a tristezza e voglia di piangere, provoca alterazioni emotive.
Come capire se si soffre di depressione post parto?

I segnali tipici sono tristezza, stanchezza cronica, voglia di piangere e senso di inadeguatezza. Se si hanno questi disturbi, è bene non sottovalutare: potrebbero alleviarsi da soli ma anche trasformarsi in qualcosa di cronico. È quindi bene parlarne subito con il ginecologo, con l’ostetrica o con la psicologa del corso preparto.

Fonti / Bibliografia

  • Launch of the WHO guide for integration of perinatal mental health in maternal and child health servicesLife altering moments like pregnancy, birth, early parenthood can prove to be stressful for women, their partners, and caregivers.Because of changes in women’s role, physical health and economic situation, they may undergo a period of poor mental health or even witness a worsening of previous mental health conditions.Almost 1 in 5 women will experience a mental health condition during pregnancy or in the year after the birth. Also, one in ten women in high-income countries and one in five in low- and middle-income countries experience anxiety and depression in the perinatal period. Nearly 20% of women with perinatal mental health conditions experience suicidal thoughts or undertake acts of self-harm. This calls for urgent support for perinatal mental health globally.
  • Depressione post-partum: disturbi, cause e cura - ISSaluteLa depressione post partum è una condizione di cui soffrono molte donne dopo aver avuto un bambino. E' importante riconoscere i segnali: pianto, tristezza
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti