Mal di testa – post parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Le cause del disturbo che può manifestarsi durante i primi giorni post parto. I rimedi e cosa fare per far sparire i fastidi

Mal di testa in gravidanza: attenzione a questi farmaci

Si tratta di uno dei disturbi più tipici che possono manifestarsi nei primi giorni dopo il parto: la cefalea può essere dovuta allo sforzo del travaglio e dell’espulsione, che ha comportato un notevole dispendio di energie fisiche. In rari casi, il mal di testa può essere la conseguenza anche dell’iniezione dell’analgesia epidurale.

Che cosa fare

  • In caso di mal di testa, la mamma può essere idratata con soluzioni fisiologiche per via endovenosa fino alla completa scomparsa del disturbo (2-3 giorni).
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti