Mastite al seno e allattamento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Che cosa è la mastite, i sintomi e le cure per una pronta guarigione e per continuare l'allattamento al seno del neonato senza problemi

Allattamento al seno: se è breve aumenta il rischio di infiammazioni

Responsabili di questa infezione della ghiandola mammaria sono alcuni batteri (come lo Stafilococco aureo e lo Streptococco), presenti normalmente sulla pelle, che penetrano all’interno dei dotti galattofori (i sottili canalini all’interno dei quali scorre il latte) attraverso il capezzolo integro o, più spesso, attraverso le ragadi, ossia i taglietti che talvolta si formano sui capezzoli. Una volta entrati grazie a questa via d’accesso, raggiungono i dotti galattofori e le ghiandole, infettandoli. Di solito, la mastite interessa un solo seno o parte di esso e appare come un’area gonfia, calda, arrossata e dolente. Può comparire anche un senso di malessere generale e febbre sopra i 38 gradi.

Che cosa fare

  1. Curare l’infezione assumendo, dietro consiglio del ginecologo, farmaci antidolorifici e antibiotici.
  2. Continuare ad allattare il bebè al seno: i farmaci di oggi sono in genere compatibili con l’allattamento. Se attaccare il bimbo causa però troppo dolore, finché non si è guarite si può estrarre il latte con il tiralatte e offrirlo al bebè con il biberon.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti