Mastite al seno e allattamento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Che cosa è la mastite, i sintomi e le cure per una pronta guarigione e per continuare l'allattamento al seno del neonato senza problemi

Allattamento al seno: se è breve aumenta il rischio di infiammazioni

Responsabili di questa infezione della ghiandola mammaria sono alcuni batteri (come lo Stafilococco aureo e lo Streptococco), presenti normalmente sulla pelle, che penetrano all’interno dei dotti galattofori (i sottili canalini all’interno dei quali scorre il latte) attraverso il capezzolo integro o, più spesso, attraverso le ragadi, ossia i taglietti che talvolta si formano sui capezzoli. Una volta entrati grazie a questa via d’accesso, raggiungono i dotti galattofori e le ghiandole, infettandoli. Di solito, la mastite interessa un solo seno o parte di esso e appare come un’area gonfia, calda, arrossata e dolente. Può comparire anche un senso di malessere generale e febbre sopra i 38 gradi.

Che cosa fare

  1. Curare l’infezione assumendo, dietro consiglio del ginecologo, farmaci antidolorifici e antibiotici.
  2. Continuare ad allattare il bebè al seno: i farmaci di oggi sono in genere compatibili con l’allattamento. Se attaccare il bimbo causa però troppo dolore, finché non si è guarite si può estrarre il latte con il tiralatte e offrirlo al bebè con il biberon.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti