Puerperio: i 12 consigli dell’Oms

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 13/03/2014 Aggiornato il 13/03/2014

Le nuove linee guida dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, per le neomamme e i neonati durante il puerperio, le prime sei settimane dopo il parto

Puerperio: i 12 consigli dell’Oms

Sono appena state aggiornate le nuove linee guida dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, per il puerperio. Si tratta di 12 suggerimenti sulle cure al neonato e alla neomamma rivolte sì ai medici, ma utilissime anche per i genitori. Il puerperio è infatti un periodo delicatissimo e molto importante, per la salute sia del bebè sia della mamma. Da non sottovalutare. Ecco i 12 consigli per vivere al meglio il puerperio.

1 Le dimissioni ospedaliere

Se il parto è vaginale e non comporta alcuna complicazione la madre e il neonato potranno essere dimessi dopo 24 ore dalla nascita, nello stesso intervallo di tempo il medico deve prestare le cure a casa se la mamma non partorisce in ospedale.

2 I contatti post-nascita

Sia per la mamma sia per il neonato dovranno avvenire a 3,7-14 giorni e a sei settimane dopo il parto.

3 Visite domiciliari

L’Oms raccomanda fortemente visite a casa sia per il controllo materno sia del neonato; suggerimento riferito in particolare ai Paesi in via di sviluppo dove il tasso di mortalità è alto a causa degli scarsi controlli e delle cattive condizioni igieniche.

4 Chek-up del neonato

Nell’ambito delle visite post-natali si dovrà effettuare un controllo relativamente alla sua nutrizione, la sua respirazione, i movimenti, la temperatura corporea, l’ittero e la possibilità di convulsioni

5 Allattamento al seno

Si raccomanda alla mamma di allattare il neonato per i primi 6 mesi dopo la nascita del figlio, in tal proposito è previsto un counsellor che dia informazioni sull’importanza dell’allettamento al seno per la salute del bambino.

6 Disinfettazione del cordone ombelicale

È prevista l’applicazione di un disinfettante a base di clorexdin sul moncone del cordone per la prima settimana di vita, soprattutto ai bambini nati in casa.

7 Bagnetto

L’Oms raccomanda di attendere 24 ore dalla nascita al primo bagno (minimo 6 ore). Il bambino deve avere un abbigliamento adeguato alla temperatura ambientale, con 1-2 strati in più rispetto all’adulto e il capo coperto. Mamma e neonato devono stare nella stessa stanza per 24 ore al giorno.

8 Visita medica alla mamma

Il primo controllo materno deve avvenire durante le 24 ore dal parto per controllare il sanguinamento vaginale, le contrazioni uterine, la temperatura e il battito cardiaco. Un ulteriore controllo del medico verrà fatto dopo 10-15 giorni per verificare se il latte materno è arrivato e se ci sono segni della depressione post-partum.

9 Counselling

Si raccomanda di informare tutte le neomamme sul processo fisiologico di recupero dopo la nascita, il quale può comportare anche alcuni problemi di salute, che per quanto normali devono essere comunicati al medico. Inoltre è necessario informare le donne sulla nutrizione, l’igiene e la contraccezione.

10 Integratori

Per prevenire l’anemia, il cui rischio è particolarmente elevato per le mamme dopo la nascita del bimbo, è prevista l’integrazione di ferro e acido folico durante i 3 mesi successivi il paro.

11 Somministrazione antibiotici

L’Oms raccomanda la prescrizione di antibiotici alle mamme soprattutto se hanno avuto un parto naturale o uno strappo dei muscoli del perineo.

12 Sostegno psico-sociale

L’Oms prevede il supporto psicologico delle neomamme per prevenirne la depressione post-partum.

In breve

ATTENZIONE AL PUERPERIO

Il puerperio è un periodo delicato sia per la mamma sia per il bebè. Non è un caso che nel mondo, è questo il periodo in cui si registrano il maggior numero di morti neonatali e materne. Occorrono quindi controlli e attenzioni.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Fai la tua domanda agli specialisti