Quando finiscono i morsi uterini?

Paola Risi A cura di Paola Risi Pubblicato il 15/06/2022 Aggiornato il 15/06/2022

Dopo il parto l’organismo femminile ha bisogno di tempo per riassestarsi e ritrovare l’equilibrio che aveva prima della gravidanza. Ecco quando finiscono i morsi uterini e le lochiazioni

donna con morsi uterini

Durante il puerperio – il periodo di 6-8 settimane che segue la nascita del bebè – l’utero, aumentato di volume nel corso dei 9 mesi, recupera gradualmente le sue dimensioni originarie per effetto delle contrazioni uterine che pochi minuti dopo il parto vengono riattivate in forma più lieve rispetto a quelle del travaglio. Alle contrazioni si associano le lochiazioni  – perdite vaginali di sangue, muco e tessuti gravidici (l’endometrio, la mucosa che riveste le pareti dell’utero, e i residui del sacco amniotico) – che consentono all’organo che ha ospitato il feto di svuotarsi e di ripulirsi. Ecco quando finiscono i morsi uterini e cosa fare nel frattempo con i consigli della dottoressa Daniela Fantini, ginecologa presso il consultorio Cemp di Milano.

Quanto possono durare i morsi uterini?

La durata di questo processo varia da donna a donna ma, indicativamente, è compresa tra le 3 e le 6 settimane: più precisamente, le lochiazioni finiscono prima se la neomamma allatta al seno, in quanto la suzione del capezzolo da parte del neonato, oltre a stimolare la produzione di latte, determina l’aumento della concentrazione nel sangue di ossitocina, un ormone che intensifica la potenza e il numero delle contrazioni, accelerando i tempi di “recupero” dell’utero.

Quanto durano i dolori dopo il parto?

Le contrazioni dell’utero tendono ad aumentare quando il piccolo viene allattato al seno e, in alcuni casi, suscitano fitte simili a quelle provocate dalle doglie, e proprio per questo motivo vengono definite “morsi uterini”. Nel caso il dolore risulti particolarmente intenso, il ginecologo potrebbe prescrivere alla neomamma un leggero analgesico a base di paracetamolo, in quanto tale sostanza non presenta controindicazioni riguardo all’allattamento al seno.
In genere, comunque, i morsi uterini sono meno dolorosi dopo il primo parto, mentre tendono a divenire più intensi a cominciare dal secondo figlio.

Come devono essere le perdite post parto?

Le perdite che accompagnano l’attività contrattile dell’utero durante il puerperio (ossia i morsi uterini) variano il loro aspetto col passare dei giorni e delle settimane in base al seguente schema:

  •  primi 4-5 giorni: lochi “sanguigni”, simili alle mestruazioni;
  • tra il 5° e il 15° giorno: lochi “siero-ematici”, più chiari e di consistenza filante;
  • dalla terza settimana: lochi “cremosi”, giallo-biancastri e densi.

È importante controllare aspetto e intensità dei lochi e consultare il ginecologo laddove compaia un sanguinamento molto forte (emorragia), se sono già trascorse due settimane dal parto, oppure se risultano maleodoranti o presentano coaguli piuttosto voluminosi.

 

 

 
 
 

In sintesi

Cosa fare per evitare le infezioni dopo il parto?

Al fine di prevenire o ridurre il rischio che compaiano infezioni per effetto della proliferazione di agenti nocivi che la presenza di lochiazioni favorisce, è importante seguire alcune semplici norme igieniche.

  • Utilizzare assorbenti esterni che non ostacolino lo svuotamento dell’utero
  •  Cambiarli frequentemente (massimo ogni 2 ore e mezza)
  • Lavare i genitali la mattina e la sera usando acqua tiepida e sapone a PH naturale 4.5.

Nel caso la neomamma abbia subito l’episiotomia (una piccola incisione nella zona perineale, tra ano e vagina) nel corso della fase espulsiva del parto per facilitare l’uscita del bebè, questi accorgimenti vanno seguiti con particolare attenzione: le probabilità che compaiano infezioni nell’area, infatti, risultano più elevate.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti