Il secondo giorno dopo il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 13/01/2015

Nel secondo giorno post parto iniziano i crampi all'utero per la mamma. Il piccolo continua a nutrirsi di colostro in attesa della montata lattea

Il secondo giorno dopo il parto

Iniziano i crampi all’utero

Dopo il parto, l’utero inizia a contrarsi per tornare alle sue dimensioni originarie. Questi movimenti si fanno sentire con contrazioni fitte e dolorose (“morsi uterini”) nella parte bassa dell’addome. Esse hanno lo scopo di consentire all’utero, no-tevolmente cresciuto nei nove mesi, di riacquisire le sue dimensioni. Le contrazioni sono più frequenti quando si allatta perché la suzione sollecita il rilascio di un ormone, l’ossitocina, che induce l’utero a contrarsi.

Continua la produzione di colostro

Il colostro, il “primo latte del neonato”, nei primi giorni dopo il parto ha un colore giallognolo e una consistenza densa e cremosa, poi si schiarisce progressivamente fino ad assumere un aspetto più fluido e un colore trasparente. Ogni giorno se ne produce un quantitativo variabile (da 7 a 120 millilitri) perché la ghiandola mammaria secerne il colostro indipendentemente dal peso del neonato e dal suo fabbisogno nutrizionale. Solo quando si passa dalla produzione di colostro a quella del latte maturo avviene la “calibrazione”, per cui la quantità di latte viene modulata sull’appetito del piccolo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti