Biologico e green, le preferenze delle italiane

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/10/2018 Aggiornato il 10/10/2018

Sette donne italiane su dieci vivono – e acquistano – sempre più “biologico” e “green”. I perché di questa scelta

Biologico e green, le preferenze delle italiane

Dal cibo biologico fino agli indumenti in tessuti organici e alle attività delle vacanze, 7 donne su 10 prediligono tutto ciò che è “salutistico”. A mettere in evidenza questa marcata tendenza al “natural” delle rappresentanti del gentil sesso del nostro Paese è un’indagine condotta su circa 1.600 donne di età compresa tra i 18 e i 65 anni realizzata dal marchio Beltè attraverso un monitoraggio online di social network, blog, forum e community dedicate al mondo del biologico.

Un nuovo stile di vita

Dall’indagine è emerso che le italiane prediligono cibo biologico e indumenti in tessuti organici e che per le vacanze preferiscono attività all’aria aperta e trattamenti di benessere. In particolare, i dati riportano che dal punto di vista alimentare 7 italiane su 10 (71%) preferiscono prodotti che rispecchino i valori della naturalità (75%), biologici (72%) e che rispettino l’ambiente (70%). Per quanto riguarda il tempo libero, poi, anche l’attività fisica (65%), il turismo (63%) e l’enogastronomia (59%) vedono un vero e proprio boom di attività e proposte culinarie alla scoperta della natura e all’insegna del benessere.

Donne più attente degli uomini

In generale nella routine e nelle scelte quotidiane delle italiane emerge al primo posto l’attrattiva relativamente a tutto ciò che esprime naturalità (71%) come i prodotti biologici (66%) e le attività all’aperto immerse nella natura (62%).

Tendenza al salutismo

Come spiega Nicola Sorrentino, dietologo e docente presso l’Università degli Studi di Pavia, “anche in Italia si riscontra sempre di più la tendenza internazionale a ricercare il salutismo. E lo fanno soprattutto le donne – sebbene con alcune differenze di area geografica, di età, di professione e di approccio culturale – che, rispetto agli uomini, hanno un rapporto più diretto con il proprio corpo per cui sono attente a scegliere cibo sano, spesso biologico, a curare la propria pelle disintossicandola dalle impurità, a prendersi cura del proprio fisico. Infine, poi, la scelta dei prodotti biologici rispecchia un’attenzione più generale per la natura e per l’ambiente perché questi prodotti diminuiscono l’impatto inquinante e sono più attenti all’ecologia”.

 

DA SAPERE

SOPRATTUTTO AL NORD E NEI GRANDI CENTRI

Dall’indagine emerge che in Italia la tendenza al “green” è preponderante nelle regioni del Nord Italia (75%), seguite da quelle del Centro (72%), del Sud (69%) e dalle Isole (67%), con dei picchi nelle grandi città come Milano (78%), Roma (76%) e Torino (73%).

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Lavaggi nasali: servono davvero?
23/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I lavaggi nasali rivestono grande utilità non già per uccidere il virus del raffreddore, ma per facilitare la pulizia del naso e favorire la fluidificazione, quindi, l'eliminazione del muco.   »

Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fai la tua domanda agli specialisti