Cani e gatti all’università contro lo stress

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 23/08/2019 Aggiornato il 23/08/2019

L’idea è americana, dove sono nati specifici programmi universitari per combattere lo stress giocando con cani e gatti.

Cani e gatti all’università contro lo stress

La pet therapy entra anche nelle aule universitarie. Gli studenti sono spesso in preda a forti stress per il susseguirsi di lezioni, incontri, relazioni, esami e prove, senza contare le prove di autonomia come l’affitto, le spese personali, la gestione delle mansioni domestiche e la convivenza con i coetanei. Per questo sono nati programmi come ‘Pet Your Stress Away’, nei quali gli studenti possono interagire con gatti o cani per alleviare lo stress e le preoccupazioni.

Conferme scientifiche

Secondo ricercatori della Washington State University, cani, gatti e altri animali migliorano lo stato d’animo degli studenti, fungono da calmanti naturali e alleviano lo stress di tutti i giorni: bastano 10 minuti di coccole e carezze ogni giorno per sentirsi subito meglio. Secondo gli esperimenti già compiuti (i programmi per ora sono disponibili sono negli Stati Uniti), l’interazione con cani e gatti ha portato nei ragazzi partecipanti una significativa riduzione del cortisolo, conosciuto come ormone dello stress.

Una ricerca unica nel suo genere

La ricerca, prima del suo genere a misurare la riduzione del cortisolo in situazioni reali, ha coinvolto 249 studenti universitari e ha portato alla scoperta che i livelli di questa sostanza riscontrabili nella saliva dei ragazzi erano molto più bassi dopo aver coccolato i cuccioli. Ciò è la prova scientifica che la riduzione degli ormoni dello stress può, nel tempo, portare a benefici significativi per lo stato psicofisico dell’individuo.

I benefici della pet therapy

La pet therapy nasce negli anni Sessanta e da allora diversi studi hanno dimostrato che il contatto con un animale facilita il benessere psicoemotivo delle persone, a ogni età. Stimolando ilarità e buonumore e offrendo occasioni di interazione e gioco, cani, gatti e altri animali possono svolgere la funzione di ammortizzatori delle tensioni interne e aiutare a sciogliere i nodi dello stress.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La presenza di un “pet” stimola energie positive distogliendo o rendendo più accettabili i problemi di tutti i giorni.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Parla pochissimo a 26 mesi di età: c’è da preoccuparsi?

12/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A 26 mesi non c'è da allarmarsi se il bambino ha un vocabolario ancora molto modesto: quello che conta, infatti, è che dimostri di comprendere tutto quello che gli viene detto e che, più in generale, non dimostri di avere alcun problema.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Dubbio sui (troppi) valori delle beta

02/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

È veramente inopportuno sottoporsi a continui prelievi di sangue per il dosaggio delle beta-hCG. Meglio attendere il controllo ecografico, per non rischiare di andare incontro a problemi per aver prelevato troppo sangue (oltretutto senza che ce ne sia motivo).  »

Fai la tua domanda agli specialisti