Cani e gatti all’università contro lo stress

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 23/08/2019 Aggiornato il 23/08/2019

L’idea è nata negli Stati Uniti, dove sono stati studiati specifici programmi universitari per combattere lo stress giocando con cani e gatti

Cani e gatti all’università contro lo stress

Cani e gatti come antidoto allo stress universitario. Andare all’università può rivelarsi un’impresa stressante: gli studenti hanno lezioni, documenti da presentare, compiti ed esami. Ma spesso si trovano anche a fare i conti con lavoro, bollette da pagare, bucato e altri impegni quotidiani. Così negli Stati Uniti molte università hanno istituito programmi ‘Pet Your Stress Away’, nei quali gli studenti possono interagire con gatti o cani per dimenticare incombenze e scadenze e liberarsi un po’ dallo stress.

Conferme scientifiche

Scienziati della Washington State University hanno dimostrato che, oltre a migliorare lo stato d’animo degli studenti, questi programmi possono effettivamente produrre benefici fisiologici e alleviare lo stress. Appena 10 minuti possono avere un impatto significativo, spiegano i ricercatori. Gli studenti che hanno interagito con cani e gatti hanno sperimentato una significativa riduzione del cortisolo, importante ormone dello stress.

Una ricerca unica nel suo genere

Si tratta del primo studio ad aver dimostrato riduzioni dei livelli di cortisolo negli studenti durante un momento di interazione reale, piuttosto che in uno scenario in laboratorio. La ricerca ha coinvolto 249 studenti universitari suddivisi in quattro gruppi. Il primo ha sperimentato l’interazione diretta con gatti e cani per 10 minuti, il secondo si è limitato a osservare altre persone che accarezzavano cani e gatti, il terzo ha guardato uno slideshow degli stessi animali coinvolti nell’esperimento, mentre il quarto gruppo era in attesa. I ricercatori hanno scoperto che gli studenti che hanno interagito direttamente con gli animali avevano livelli di cortisolo molto più bassi nella saliva dopo aver coccolato i cuccioli. I risultati sono molto importanti perché dimostrano che la riduzione degli ormoni dello stress può, nel tempo, tradursi in benefici significativi per la salute fisica e mentale.

I benefici della pet therapy

La pet therapy nasce negli anni Sessanta e da allora diversi studi hanno dimostrato che il contatto con un animale facilita il benessere psicoemotivo delle persone, a ogni età. Stimolando ilarità e buonumore e offrendo occasioni di interazione e gioco, cani, gatti e altri animali possono svolgere la funzione di ammortizzatori delle tensioni interne e aiutare a sciogliere i nodi dello stress.

 

Lo sapevi che?

La presenza di un “pet” stimola energie positive distogliendo o rendendo più accettabili i problemi di tutti i giorni.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti