Cervello delle donne: dopo la maternità si adegua al cambiamento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/09/2019 Aggiornato il 06/09/2019

Dopo la maternità non si è più come prima... a cominciare dal cervello

Cervello delle donne: dopo la maternità si adegua al cambiamento

L’esperienza della maternità modifica alcune aree del cervello delle donne per prepararle al difficile ruolo di mamma. È quanto appurato da uno studio dell’Università Autonoma di Barcellona e dell’Istituto Hospital del Mar di ricerche mediche, in collaborazione con la clinica IVI di Barcellona. I ricercatori, mettendo a confronto le immagini della risonanza magnetica di 25 donne prima e dopo il parto (alcune sottoposte a trattamenti di fertilità, altre rimaste incinte in modo naturale) e altre 20 non incinte, hanno dimostrato come la maternità provochi alterazioni durature nella struttura cerebrale finalizzate a migliorare la capacità della madre di relazionarsi con il neonato.

Materia grigia ridotta

Dallo studio, che voleva dimostrare che la maternità modifica il cervello delle donne, sono emersi cambiamenti nel volume della materia grigia in aree specifiche della corteccia temporale e prefrontale, deputate alle interazioni sociali e alle emozioni: parte di queste regioni si attiva quando la donna guarda il bebè. In particolare, la riduzione della materia grigia si evidenzia in tutte le donne incinte studiate: questo cambiamento è dovuto ai processi biologici della gravidanza e non ai mutamenti relativi alla nascita del bebè, fenomeni che possono sperimentare anche i padri. Probabilmente, suggeriscono gli esperti, la maternità modifica il cervello delle donne anche dopo un’adozione, perché questo evento comporta cambiamenti simili a quelli della maternità “fisiologica”.

Il cervello si “riprogramma”

Si tratterebbe quindi di una sorta di “ristrutturazione” del cervello con finalità adattive, per aumentare la sensibilità della madre a rilevare, per esempio, lo stato emotivo del bambino. Nel campione non sono state trovate invece evidenze del fatto che la gravidanza provochi modifiche nella memoria né in altre funzioni intellettive. Lo studio fornisce dunque indicazioni fondamentali riguardo le basi neurali della maternità, della salute mentale nel periodo perinatale e della plasticità del cervello.

 

 

da sapere!

In futuro, se i risultati della ricerca fossero confermati, potrebbe essere possibile prevedere, sulla base di questi fattori, il grado di legame della madre con il neonato dopo il parto.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti