Colpo di fulmine: scatta in meno di un secondo

Pamela Franzisi
A cura di Pamela Franzisi
Pubblicato il 19/02/2019 Aggiornato il 20/02/2019

Per decidere se una persona è o meno attraente ci vuole un terzo di secondo. Il colpo di fulmine si gioca in un battito di ciglia

Colpo di fulmine: scatta in meno di un secondo

Capiamo se qualcuno è maschio o femmina in 244 millisecondi, se è attraente 59 millisecondi dopo. E per capire se una persona ci piace basta un attimo… A sostenerlo è uno studio dell’Università di Bamberg, in Germania, pubblicata sulla rivista Neuroscience Letters, confermando l’esistenza del colpo di fulmine. Un team di psicologi, con a capo il professor Claus-Christian Carbon, ha studiato il funzionamento cerebrale di 25 giovani universitari, mentre guardavano 100 foto e, dunque, riconoscevano il genere e decidevano se la persona ritratta era attraente o meno. Secondo gli studiosi il campione è stato fortemente guidato da stereotipi di genere.

Occhi e labbra

Il colpo di fulmine parte dallo sguardo e dal sorriso. Se si vuole risultare attraenti, dunque, è meglio presentarsi solari, positivi e sorridenti, guardando sempre negli occhi. Anche l’aspetto generale è importante per far scattare il colpo di fulmine: capelli, trucco,  barba, vestiti curati hanno un peso determinante. Da non trascurare poi la postura corretta che trasmette un’immagine di sicurezza all’altro: schiena dritta, testa alta, movimenti non rigidi. No a braccia e gambe incrociate, che mandano un segnale di chiusura. Last, ma non least: la stretta di mano è un altro momento clou della conoscenza:   non bisogna stringere troppo forte, ma neanche dare una mano “morta”. Per colpire, la stretta deve essere decisa e aperta.

 

 

 

Da sapere!

Nel far scattare il colpo di fulmine, oltre all’aspetto, sono importanti il linguaggio del corpo e la comunicazione non verbale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti