Covid-19, ansia raddoppiata per i giovani

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 21/01/2021 Aggiornato il 21/01/2021

Il livello di ansia nei giovani ha visto un’impennata dettata dalla pandemia da Covid-19. Donne, precari e persone sole sono le categorie più a rischio

Covid-19, ansia raddoppiata per i giovani

La peculiare condizione di reclusione dettata dalla pandemia da Covid-19 sta avendo un impatto importante su molti aspetti della vita. Il lockdown ha stravolto la normalità, mettendo a dura prova la tenuta psico-fisica di molti. A soffrire degli effetti negativi della situazione attuale sono anche i giovani adulti che – tra le altre cose – hanno visto raddoppiati i livelli di ansia.

I risultati della macroricerca

A rivelare il legame tra l’attuale condizione e i livelli di ansia nei giovani adulti è una ricerca svolta dall’Università di Bristol e pubblicata sul British Journal of Psychiatry, che ha preso in esame quasi 20.000 ragazzi. Il campione, suddiviso in due gruppi, ha messo a confronto i livelli di ansia per e post Covid-19 di 14.500 ragazzi, coinvolti in uno studio longitudinale, e di altri 4.000 giovani, che hanno aderito a uno studio indipendente.

Episodi raddoppiati

Incrociando i dati è emerso come, fin dalla prima chiusura totale imposta dalla pandemia, i livelli di ansia nei giovani avessero fatto registrare una vera e propria impennata rispetto alla normalità. I valori parlano chiaro e confermano l’impatto del Covid-19. Infatti, se negli anni precedenti il 2020 episodi di ansia interessavano il 13% del campione, durante il lockdown i dati sono schizzati fino al 24%. Un salto che porta il dato a raddoppiare, da un caso ogni otto ragazzi a uno ogni quattro.

Chi soffre di più

Detto che i dati raccolti nei due campioni si confermano vicendevolmente, il problema ansia per i giovani ha dimostrato di sussistere anche dopo il primo lockdown. Scendendo poi nel dettaglio, la ricerca ha evidenziato come l’impatto della pandemia da Covid-19 sulla normalità colpisca maggiormente alcune precise categorie. Per donne, precari, chi vive da solo, ma anche per coloro che già soffrivano di depressione, le probabilità di cadere in preda a stati di ansia sono decisamente più elevate.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Con la seconda ondata ancora in corso, lo studio verrà aggiornato al termine della situazione di crisi.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti