Covid-19, aumentano le paure dei genitori per i figli

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 15/06/2021 Aggiornato il 15/06/2021

A causa del lockdown imposto dal Covid-19, più di 16 milioni e mezzo di genitori italiani hanno sviluppato nuove paure legate ai figli

Covid-19, aumentano le paure dei genitori per i figli

Il lockdown e in generale le restrizioni imposte dalla pandemia da Covid-19 ha stravolto la vita di tutti. Tra le più condizionate ci sono certamente le giornate di bambini e ragazzi che hanno visto stravolti ritmi, routine e modo di vivere la socialità. Queste necessarie, quando dolorose, imposizioni hanno generato nuove paure per i propri figli condivise da circa 16 milioni e mezzo di genitori italiani.

Timori per lacune scolastiche e psicologiche

A rivelarlo è un’indagine commissionata da Facile.it agli istituti di ricerca mUp Research e Norstat e svolta su un campione di 1.012 italiani tra i 18 e i 74 anni. Un terzo degli intervistati (che equivale a circa 8,5 milioni di italiani) ha ammesso di temere gli effetti negativi dell’anno trascorso in lockdown sulla psicologia dei propri figli. Il 26,8% (6,7 mln) dei genitori ritiene invece che la Dad possa aver generato lacune nella preparazione scolastica.

Spaventa il ritorno alla normalità

Ma a spaventare è anche il ritorno alla normalità. Il 26,3% (6,5 mln) dei genitori teme, infatti, che i propri figli possano utilizzare i mezzi pubblici, visti come luogo a rischio per il veicolo del contagio da Covid-19. Anche altri aspetti della vita normale generano timori nei genitori, che nel 18,1% dei casi (4,5 mln) non vede di buon occhio la possibilità che i propri figli possano incontrare di nuovo gli amici. Ovviamente, non mancano le paure per il rientro a scuola a settembre, che incombono sulla tranquillità di circa 3,5 milioni di genitori italiani.

Differenze territoriali consistenti

I dati evidenziano come a patire maggiormente la situazione siano, seppur di poco, le mamme (67,1%) con i papà che, comunque, non dimostrano di essere tanto più tranquilli (64,4%). Divario percentuale maggiore, invece, si evidenzia analizzando i dati in base alla variabile territoriale. Al sud e nelle isole ci sono i genitori più preoccupati (74,9%), al nord quelli che hanno dichiarato di farsi influenzare di meno (59,2%), per una media nazionale che si assesta al 65,8%.

 

 

 
 
 

Da sapere!

In generale, in ogni zona d’Italia le preoccupazioni maggiori riguardano l’impatto psicologico del lockdown sui figli.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti