Depressione: colpito un uomo su quattro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/06/2017 Aggiornato il 22/06/2017

La depressione interessa sempre più anche gli uomini. Il problema rischia però di essere sottovalutato. Pochi, infatti, ammettono il disturbo

Depressione: colpito un uomo su quattro

Stando a quanto rivelato dall’Organizzazione mondiale della Sanità, la depressione colpisce almeno 300 milioni di persone nel mondo. I sintomi per riconoscerla passano dalle emicranie ai problemi di digestione, da dolori a muscoli e articolazioni alla perdita di libido. In Italia, ne soffre un uomo su quattro, ma spesso chi ne è interessato preferisce non parlarne.

Non più un problema solo femminile

Condotto su un campione di 400 italiani, il sondaggio dell’Eurodap ha evidenziato come i sintomi da depressione siano effettivamente comuni a un uomo su quattro tra i 35 e i 45 anni. Il problema pare sovente nascere dal mondo del lavoro, con il precariato e la necessità di sobbarcarsi il sostegno della famiglia che marcano un confine netto tra un perfetto equilibrio e il cadere in depressione.

La punta dell’iceberg

I sintomi rappresentano però solo la punta dell’iceberg. Secondo quanto riportato dalla psicoterapeuta, docente universitaria e presidente dell’Eurodap, Paola Vinciguerra, il 70% di coloro che ammette di vivere in uno stato di depressione, fatica a rivolgersi a un professionista. La causa di questo non parlare del proprio problema è spesso riconducibile all’orgoglio maschile che impedisce di mostrarsi deboli o ammettere i propri limiti. Solo il 12% degli intervistati riconosce l’importanza di consultare un medico, mentre il 18% preferisce addirittura non pronunciarsi.

L’orgoglio, cattivo consigliere

Oltre alla depressione, ciò che allarma maggiormente è la mancanza di voler ammettere, comunicare e affrontare il problema seriamente. I rischi legati alla depressione sono molteplici, così come le possibilità di uscirne. Il supporto di parenti e amici risulta fondamentale e deve rappresentare il primo passo verso un percorso di guarigione da affrontare con il confronto, il supporto e l’esperienza di un professionista.

Parola d’ordine: comunicare

I segnali di una depressione maschile sono spesso diversi da quelli che caratterizzano il medesimo problema declinato al femminile. Gli uomini depressi tendono a essere più aggressivi, irritabili e manifestare episodi di rabbia. Un primo fondamentale aiuto deve arrivare dal dialogo, magari sottolineando gli atteggiamenti poco in linea con la loro indole e avviando il discorso facendo leva su cause come stress e stanchezza. Ciò potrebbe portarli ad accettare con maggiore facilità controlli medici ed esami. Un secondo consiglio è quello di bilanciare la dieta verso un regime alimentare più sano ed equilibrato e spronarli a praticare uno sport.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

La depressione maschile può dipendere da un calo del testosterone, ormone sessuale che svolge anche un ruolo sostanziale in un gran numero di processi cognitivi del cervello.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti