Depressione invernale: responsabile un gene?

Lorenzo Marsili
A cura di Lorenzo Marsili
Pubblicato il 28/01/2019 Aggiornato il 29/01/2019

Se il sole è spesso sinonimo di buonumore, l’arrivo del freddo e le giornate più corte coincidono per alcuni con un drastico incupimento dell’umore. Quanto conta la genetica

Depressione invernale: responsabile un gene?

Chi soffre di depressione invernale vive i mesi più freddi sempre a corto di energia ed entusiasmo. Quando questo cambiamento arriva a condizionare la vita di tutti i giorni si parla di depressione invernale. Uno studio del Johns Hopkins Medicine di Baltimora, pubblicato sulla rivista Translational Psychiatry, svela ora come dietro questi cambiamenti possa celarsi l’azione del gene ZBTB20.

Agisce sui ritmi circadiani

Guidati da James Bennet Potash, i ricercatori americani hanno incrociato i dati ricavati dallo studio del Dna di circa 1.400 individui colpiti da depressione invernale con quelli di quasi 3.000 persone sane. Le analisi hanno permesso di individuare differenze significative in un gene: il ZBTB20, che agisce sui ritmi circadiani ricalibrando il nostro orologio biologico e permettendo all’organismo di adattarsi ai cambiamenti imposti dal minor numero di ore di luce.

Adattamento più difficile

Il gene ZBTB20 è dunque fondamentale per permettere all’organismo di adattarsi ai nuovi ritmi imposti dal minor numero di ore di luce giornaliere dei mesi più freddi. Quando il ZBTB20 non lavora normalmente, è possibile che l’organismo ne risenta sfociando, nei casi peggiori, in una condizione di depressione invernale.

 

 

 
 
 

Da sapere!

La depressione invernale colpisce soprattutto le popolazioni di Svezia, Danimarca e Canada dove per chi ne soffre può anche risultare difficile anche andare a lavorare.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti