Depressione: è la malattia più temuta dopo il tumore

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/08/2016 Aggiornato il 19/08/2016

A soffrire di depressione in Italia sono 4,5 milioni di persone. Secondo l’Oms entro il 2030 diventerà la malattia cronica più diffusa al mondo

Depressione: è la malattia più temuta dopo il tumore

La depressione è la malattia che spaventa di più dopo il tumore. In Italia interessa circa 4,5 milioni di persone, colpisce più le donne degli uomini e, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, entro il 2030 costituirà la malattia cronica più diffusa a livello mondiale. La depressione attualmente rappresenta uno dei principali problemi di salute pubblica mondiale, con un costo pari a 800 miliardi di dollari annui.

I risultati dell’indagine Onda

Le tante facce di questa malattia mentale sono state fotografate da un’indagine Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna) condotta su un campione di 1.004 soggetti (503 donne e 501 uomini): secondo gli intervistati, la depressione si colloca al secondo posto (27%) dopo i tumori per impatto percepito sulla vita di chi ne soffre e il 58% la considera una vera malattia alla stregua di quelle fisiche; una persona su quattro la ritiene invece una condizione mentale con cui si può solo convivere.

Tante cause

Dall’indagine è emerso che non manca la consapevolezza circa l’origine multifattoriale di questa malattia: secondo gli intervistati, infatti, la depressione non è conseguenza diretta di un fattore univoco, ma viene percepita come il risultato di un insieme di fattori diversi: traumi (69%) e stress (60%) sono riconosciuti come le cause principali della malattia da chi ha già ricevuto la diagnosi, mentre chi non ne ha sofferto, ritiene che la depressione sia originata principalmente da una personalità emotivamente fragile (67%).

Incidono gli stili di vita

Lo stile di vita, spiega Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di psichiatria, può influire non poco nello sviluppo della depressione: i disturbi del sonno, per esempio, hanno un ruolo importante, ma ci sono anche altri fattori molto diversi tra loro, come il consumo di sostanze stimolanti, la sovraesposizione a stimoli sonori e luminosi, la mancata separazione, sempre più frequente, fra tempo libero e lavoro.

Un problema mondiale

“La depressione costituisce la principale sfida per la salute globale del XXI secolo – conferma Mencacci -. Anche in Italia è in aumento la sua incidenza e prevalenza. In un recente studio che ha coinvolto oltre 700 persone e 18 centri specializzati per la cura della depressione, è emerso che tra la comparsa dei primi sintomi e la decisione di rivolgersi a un medico trascorrono in media due anni. È bene non dimenticare – prosegue Mencacci – che la depressione ha riflessi sia sulla sfera dell’umore sia sulla sfera cognitiva, peggiorando e diminuendo la qualità e l’aspettativa di vita dei pazienti, e che se la cura arriva tardi è meno efficace. Auspico dunque – conclude lo psichiatra – l’avvio di un Piano nazionale di lotta alla depressione per dare risposte concrete a quella che l’Oms definisce la seconda causa di disabilità nel mondo”.

 

 

In breve

LA SITUAZIONE IN ITALIA

Nel nostro Paese le persone colpite da depressione dono 4,5 milioni. Le donne sono particolarmente a rischio nei periodi di maggiore vulnerabilità: adolescenza, gravidanza e puerperio, climaterio, età avanzata.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti